Home War Room Analisi Analisi: La Guerra tra Russia e Ucraina i possibili fattori scatenanti
Analisi: La Guerra tra Russia e Ucraina i possibili fattori scatenanti

Analisi: La Guerra tra Russia e Ucraina i possibili fattori scatenanti

3.21K
7

Questo post del nostro gruppo di analisi necessità di una adeguata introduzione. Per prima cosa vogliamo ricordare che stiamo parlando unicamente di una analisi e non di una previsione probabilistica dei tempi e dei modi di un eventuale conflitto tra Russia e Ucraina, anche se per come è evoluto il nostro ragionamento per forza di cose sarà indicato un arco temporale ove il conflitto potrebbe deflagrare.

La Situazione delle truppe russe sul Campo in Ucraina Orientale ai confini tra Russia e Ucraina e nel Donbass: dall’inizio del mese di Agosto 2016 abbiamo registrato un netto incremento relativo ai movimenti di truppe russe nel Donbass, in Crimea e ai confini dell’Ucraina nord orientali dell’Ucraina. I movimenti di truppe sono iniziati con quello che è apparso come il ridispiegamento, sotto forma di esercitazione, della componente tattica della brigata missilistica di Volgograd, che dispone di missili balistici a corto raggio ad altissima precisione verso la regione di Krasnodar. Nei giorni successivi si sono avute numerose testimonianza video di rinforzi, senza insegne, diretti nel Donbass. Rinforzi costituiti da elementi di fanteria meccanizzata, strutture logistiche e sistemi d’arma anti aerei di punto e per la bassa quota.
Ai confini Ucraini stazionano la 7° divisione aerotrasportata “Guardie” il, 49° corpo di armata, la 150° Divisone di fanteria meccanizzata (una nuova unità che ha base a Rostov sul Don), la 23° Brigata di Fanteria Meccanizzata a Belgorod/Voronez, la 20° divisione Guardie sempre a Voronezh e il dispiegamento nei presidi Klintsy della 28° Brigata di fanteria motorizzata (al confine tra Russia, Ucraina e Bielorussia), sono presenti numerose batterie di sistemi di difesa aerea a lungo medio e corto raggio (3 batteria S-300, almeno 12 BUK M1 ecc.). Difficile invece per noi fornire una stima della componente aerea dispiegata ai confini ucraini.
In Crimea in rafforzamento del dispositivo militare già presente in loco, forte di 25000 mila uomini e di circa 50 aerei presso la base di Belbek nei pressi di Simferopoli, si è assistito dal 10 di agosto da un crescente flusso di materiale militare attraverso lo stretto di Kerch. Oltre a materiale logistico e mezzi corazzati di varia natura, deve essere sottolineato il dispiegamento di una batteria completa del sistema di difesa aereo S-400 (SA-21 Growler), con la testimonianza fotografica della presenza di un radar di acquisizione obiettivi nella parte orientale della penisola di Crimea, e del sistema di missilistico difesa costiera K-300 P Bastion (SS-C-5 Stooge), a Belbek è sono stati dispiegati 16 MIG 29 K. In Bielorussia ora è operativo un Radar di Allerta precoce tridimensionale Protivnik-GE 59N6-E. Difficile invece stimare numericamente da parte nostra la componente di sistemi di arma e personale russo presenti oggi nel Donbass a causa della carenza di informazioni affidabili e verificabili in maniera indipendente.

I possibili obiettivi russi in caso di guerra con l’Ucraina: nella nostra visione della situazione sul campo l’obiettivo primario di una campagna militare russa in Ucraina è il collegamento via terra tra la Crimea e la madrepatria russa lungo la via costiera che da Rostov sul Don, passando per il Donbass, e la città di Mariupol arrivando fino alla penisola di Crimea. La Russia oggi in caso di conflitto sarebbe separata dalla Crimea, infatti né sugli attuali traghetti che partono da Kerch, né il ponte ferroviario e stradale oggi in costruzione,garantiscono a Mosca collegamenti efficaci tra la madrepatria e la strategica Sebastopoli. Ulteriore obiettivo primario per Mosca in caso di conflitto con Kiev sarebbe il controllo integrale del Donbass, ottenendo così la messa in sicurezza dei maggiori centri urbani oggi nella controllo dei filo russi (Donetsk e Lugansk). Nel caso in cui il conflitto dovesse degenerare ulteriormente un ulteriore obiettivo russo potrebbe essere la conquista dell’intera zona con costiera dell’Ucraina, inclusa la città di Odessa.

Cosa frena la Guerra: il deflagrare del conflitto oggi non è bloccato, a nostro avviso, dal timore russo riguardante un eventuale coinvolgimento di paesi occidentali in questa guerra, ma da elementi legati al controllo e alla gestione dei territori occupati una volta terminato il conflitto. L’intero Donbass oggi si trova in condizioni economiche e sociali disastrose, questa situazione costringerebbe la Russia ad allocare ingenti somme di denaro necessarie alla sussistenza della popolazione locale e alla ripresa delle attività economiche produttive della regione. Un altro fattore da non sottovalutare è la presenza di popolazione non russa e non filo russa nelle aree comprese tra il Donbass e la Crimea, in particolare nella città di Mariupol. La Russia potrebbe essere chiamata a gestire una situazione di ordine pubblico molto complessa e violenta, se non in alcuni casi una, seppur limitata, resistenza armata clandestina. Le aree ora non nel controllo delle milizie filorusse evidenziano dati demografici che sottolineano l’assoluta maggioranza di popolazione di origine Ucraina, rispetto alla popolazione russofona.
Un altro elemento fondamentale che frena oggi un intervento militare russo contro l’Ucraina è il forte prezzo in vite umane che potrebbe subire l’esercito di Mosca; perdite che sarebbero in grado di intaccare profondamente la fiducia dell’intera nazione russa nei confronti dell’attuale presidente Vladimir Putin. Altro elemento che frena la Russia dall’agire è la crisi finanziaria derivata dal crollo dei prezzi delle materie prime energetiche e dalle problematiche interne che le sezioni USA/Ue hanno generato negli ultimi 18 mesi.

Cosa potrebbe favorire la Guerra: Il principale fattore che la Russia potrebbe essere tentata di sfruttare nel muovere Guerra all’Ucraina è l’imminenza delle elezioni americane, elezioni che polarizzeranno l’attenzione dell’opinione pubblica americana sui dibattiti tra Trump e la Clinton, elezioni che potrebbero rendere il presidente Obama ancora più restio all’utilizzo della forza militare americana in Ucraina. La postura del presidente Obama è un altro fattore che potrebbe spingere Putin a compiere azioni militari contro i territori ancora nel controllo di Kiev.
Il presidente russo e i suoi consiglieri strategici conoscono la linea di pensiero di Obama, un modus operandi che ha favorito il ritorno della Russia sullo scacchiere mediorientale, nel Mar Nero (e presto probabilmente anche in Nord Africa al fianco dell’Egitto e della Libia del Generale Haftar). Agire ora in maniera non ufficiale, senza una vera dichiarazione di guerra, ribadendo per via informale che la Russia non desidera altro che mettere in sicurezza un territorio definito e non vitale per Kiev potrebbe spingere ancora una volta il presidente americano ad alzare la voce, ma non opporsi con lo strumento militare in maniera diretta alle truppe russe attive tra la Crimea e il Donbass.
Dopo le elezioni di novembre, e ancora più dopo l’insediamento del nuovo presidente americano a Gennaio 2017, Putin e il suo Consiglio di Sicurezza Nazionale dovranno confrontarsi con un nuovo comandante in capo delle Forze Armate Americane ed il suo “modus Operandi” dovrà essere studiato e valutato prima di intraprendere avventure militari in Siria, Europa o Nord Africa. Obama fu valutato in questo suo atteggiamento in caso di crisi, in molteplici occasioni negli ultimi 7 anni, e gli episodi a cui ci riferiamo sono numerosi ma i più significativi sono due. Il primo è l’affondamento della Corvetta Sud Coreana Cheonan, avvenuto ad opera di sottomarino nord coreano in acque sotto il controllo di Seoul. A questo vero e proprio atto di Guerra Obama rispose con una parola diventata il suo Mantra in Politica Estera “restraint”. Nessun rappresaglia fu autorizzata dalla Casa Bianca mentre da Seoul il presidente della Corea del Sud chiedeva una azione chirurgica contro la base navale dei sottomarini nord coreani.
Il secondo episodio da noi citato è la minaccia di Obama di utilizzare la forza militare se Al Assad avesse impiegato armi chimiche in Siria. Ma la Casa Bianca, dopo aver annunciato la sua “linea rossa”, e aver poi dichiarato ufficialmente che AL Assad Aveva impiegato armi chimiche, decise di non intervenire contro il presidente siriano.
Forte della profilatura del presidente Obama, e conscio della propensione al rischio dell’attuale inquilino della Casa Bianca, Putin potrebbe quindi decidere di agire, cercano di addossare la colpa dell’escalation alla controparte ucraina.
Un conflitto limitato, in tempo di elezioni, potrebbe inoltre essere un elemento svantaggioso per Hillary Clinton che potrebbe subire un’offensiva verbale e retorica da parte di Donald Trump, il quale potrebbe trasformarsi in un agguerrito nemico (elettorale) della Russia. Trump, ricordando le indecisioni della Clinton ai tempi dell’assassino dell’ambasciatore americano a Bengasi, potrebbe recuperare consenso elettorale mostrandosi invece come il difensore del potere americano nel mondo.
E’ possibile infatti che il Cremlino ritenga H. Clinton un presidente più ostile alla Russia di quanto possa essere Donald Trump e “l’effetto collaterale” di ostacolare la Clinton potrebbe essere un’ulteriore elemento che potrebbe far prevalere la linea dello scontro con Kiev all’interno del Cremlino.
Il periodo più probabile per il deflagrare del conflitto: Se la nostra linea di pensiero fosse corretta dovremmo assistere ad un costante aumento di attività militare russa in Crimea e ai confini orientali dell’Ucraina, attività che dovrebbe divenire massima dalla metà dei mesi di settembre e mantenersi tale fino alla data delle elezioni americane o all’inizio degli scontri armati.

Nessuno tra noi riesce a capire oggi se prevarrà l’opzione militare oppure se Mosca deciderà di puntare su un soluzione quasi del tutto affidata alla diplomazia, ma nelle prossime settimane l’evoluzione del dispiegamento delle truppe russe sul campo, e la valutazione degli scontri di confine in Ucraine e Donbass potranno permetterci di indicare una possibile previsione.
Un elemento che potrebbe essere indicativo del degenerare della situazione sarebbe l’interruzione dei rapporti diplomatici tra Russia e Ucraina paventata addirittura dal moderato Medved. Questa mossa diplomatica potresse essere il punto di non ritorno, superato il quale è probabile che si arrivi ad una “guerra per inerzia”…

3208

Comment(7)

  1. Personalmente continuo a non credere ad una escalation della situazione in Ucraina. Troppi pochi vantaggi in caso di guerra e troppi imprevisti ed incognite.

    1. Se per escalation intendi una guerra mondiale, ti dico niente affatto, se consideri:
      1) una crisi economica che ha creato eserciti di disoccupati, inoccupati, scoraggiati;
      2) un inevitabile COLLASSO ECONOMICO AMERICANO a causa di 18 trilioni di debito in aumento;
      3) la fine del modello turbo-capitalistico in Occidente in ogni caso, se anche fosse da situare a lunghissimo termine;
      4) la sete di potere delle élite occidentali che non vogliono che lo scettro ruoti in mano russo-cinese

  2. Sottolineo questo importante passaggio dell’articolo:
    “Le aree ora non nel controllo delle milizie filorusse evidenziano dati demografici che sottolineano l’assoluta maggioranza di popolazione di origine Ucraina, rispetto alla popolazione russofona.”
    Quindi chi ha assaltato le caserme e i posti di polizia vestiti di verde e senza insegne?

    E pensare che c’è ancora gente che è convinta che nel Donbass combattono contadini, minatori e casalinghe locali di origine russa.
    Questi soggetti sarebbero da impacchettare e portati direttamente sul posto e anche dopo questo continuerebbero a negare l’evidenza.

    1. ok ma il fatto che i Russi stiano dispiegando un notevole dispositivo militare non significa che lo useranno per forza.
      Leggo ora che l’USAF ha deciso di spostare le armi nucleari tattiche presenti nella base turca di Inchirlik in una non meglio precisata località in Romania. Solo io vedo questa cosa come un innalzamento del livello dello scontro da parte degli Usa? Cosa vogliono fare? Imbottire l’Europa di armi nucleari? Un’altra volta?

    2. Mi sa che ti sei perso un NON, caro Voloire:
      “Le aree ora NON nel controllo delle milizie filorusse evidenziano dati demografici che sottolineano l’assoluta maggioranza di popolazione di origine Ucraina, rispetto alla popolazione russofona.”

      Sul fatto che ci siano forze russe nel Donbass credo ci sia poco da discutere, cosí come credo sia lapalissiano che ci sono unitá occidentali tra gli ucraini. Il video di soldati con l’uniforme dell’esercito ucraino che parlavano inglese lo abbiamo visto tutti.

      Quindi le “negazioni” di realtá sono bipartisan.

    3. Sta di fatto che la maggior parte della popolazione favorisce la Russia, come testimoniano i risultati delle elezioni che portarono Janukovich al potere.

  3. il ponte sullo stretto di Kerch è quasi ultimato. Se davvero Putin volesse tutto il sudest avrebbe agito prima e/o non avrebbe costruito il ponte

Comments are closed.