Home Attualità Carri armati senza insegne supportano gli indipendentisti ucraini
Carri armati senza insegne supportano gli indipendentisti ucraini

Carri armati senza insegne supportano gli indipendentisti ucraini

43
11

Carri armati senza insegne sono presenti nelle regioni separatiste dell’Ucraina orientale. Almeno tre carri T-64 con corazze attive e con gli equipaggi che non si sono mostrati dai portelli della torretta, sono salutati con entusiasmo dai separatisti.
Il ministro degli interni ucraino Avakov riferisce che tre carri armati hanno attraversato la frontiera provenienti dalla Russia questo pomeriggio.
Questo fatto segna l’inizio di una nuova fase della guerra in Ucraina.
Andrà ora seguita con molta attenzione l’evolversi della situazione la risposta Ucraina e americana, mentre gli Usa si trovano a fronteggiare una vera e propria emergenza anche in Irak.
Qui il video di un carro salutato dagli indipendentisti filo russi, nelle regioni orientali dell’Ucraina.

[youtube width=”500″ height=”300″]1-tPp33J7Ao[/youtube]

43

Comment(11)

  1. Bhe dire che tre carri armati sono un invasione mi pare esagerato. Probabilmente sono tank in dotazione a qualche reparto ucraino che ha disertato. Mi pare che siano più dei T-64 che dei T-72. Non ne sono sicuro ma il T-64 ha un puntatore nella torretta a destra mentre il T-72 a sinistra guardandoli di fronte.

  2. Non lo volevo dire ma mi fa piacere, era già da un po’ che aspettavo questa notizia. Perché? perché quella gente, credono nella loro scelta di indipendenza e ci credono tanto da aver sacrificato la propria incolumità e quella dei propri cari. Sono per i popoli liberi e le lotte indipendentiste sono il frutto di una voglia di libertà anche sé solo apparente.

  3. Quello del video è sicuramente un T-64 BV, il più diffuso nelle forze armate ucraine, basta guardare le ruote ben diverse da quelle dei T-72.
    I russi non ne hanno più di quelli essendo stati tutti sostituiti dal T-80 e dai T-72, ora i pochi ancora interi stanno allo sfascio o vengono usati come target nelle esercitazioni qundi difficile che siano stati mandati per aiutare i filorussi, più probabile che siano un bottino preso da qualche base ucraina.

  4. Visto che ormai è accertato ch trattasi di T-64 e poichè la Russia non ha in dotazione tali carri, da dove vengono? Semplice….dalla Crimea. Mi aspetto quindi che anche altri tipi di armamenti trafugati verranno presto se non già fatto, consegnati ai famosissimi e pacifici manifestasti del sud-est ucraino. Così come mi aspetto un ulteriore batteria di sanzioni economiche in arrivo, specialmente se fallisce l’accordo su gas. Ci aspetta un inverno freddo e per come si sta mettendo anche in Iraq un economia molto ma molto calda

    1. A dire il vero tutti gli armamenti, compresi i tank, della Crimea sono stati riconsegnati all’Ucraina già ai tempi dell’annessione alla Fed. Russa per ammissione delle stesse autorità di Kiev.
      Sono sicuro che lo staff di GPC può confermare.

  5. Andrea per ‘ FAMOSISSIMI E PACIFICI MANIFESTANTI’ intendi anche quelli che i NAZI di KIEV hanno trucidato e dato alle fiamme a Odessa? Non é questione di dare ragione a uno o a l’altro, i popoli vogliono la libertà e l’ ipocrisia dei potenti le loro anime .

    1. Il mio “famosissimi e pacifici manifestanti” indicava retoricamente, che ancora oggi ci sono persone che li ritengono tali. Inizialmente in effetti erano pacifci ma poi si sono trasformati in guerriglieri armati di ogni tipologia di armamento. Per quanto riguarda Odessa, frammisti a chi voleva pacificamente manifestare c’era gentaglia sia dell’una che dell’altra fazione. Ho visto filmati in cui un pro.russia da un tetto spara ad altezza uomo verso il corteo, come altri prorussia protetti dal cordone della polizia fare altrettanto senza che questi abbiano fatto nulla per fermarli. Conseguentemente a queste azioni ne è nata una caccia all’uomo che ha generato quanto visto nel rogo. Vorrei precisare che mentre durante rogo c’erano delinquenti intenti ad ammazzare, c’erano anche i veri pacifici manifestanti che si prodigavano per cercare di salvare chi era intrappolato dal rogo.

  6. Andrea, non offenderti, sei di una ipocrisia…! I nazisti ucraini hanno ucciso un sacco di manifestanti innocenti a Odessa, fra cui una donna incinta deliberatamente strangolata. Molti sono stati uccisi e poi si è messa in scena una morte nell’incendio. Dovresti vergognarti per questa tua sottomissione nei confronti dei diktat degli imperialisti assassini USA. Comunque, le porcate si pagano e ben 49 nazisti, “regolari” o meno non conta, hanno pagato per Odessa morendo nell’abbattkmento del cargo.

    1. Dunque fammi capire….hai visto per caso un certificato ginecologico attraverso il quale puoi dire con certezza che la donna che hai visto era in stato di gravidanza? Sia quanti civili ucraini sono morti per mano dei comunisti oltranzisti ad Odessa? Sai quanti imperi c’eran ci sono e ci saranno nella storia che hanno asssunto nomi e posizioni diverse dalla solite e banale frase “imperialisti assassini USA”?? Ci ti dice che a bordo del cargo c’erano 49 nazisti. Hai per caso studiato il loro fascicolo biografico? Qui di porcate vedo solo il tuo piacere per la morte di persone. Inutile chiederti di vergognarti perchè è l’umanità a doversi vergognare di persone come te.

  7. Secondo me Putin non fornira mai supporto militare poiche gli USA userebbero i media per spodestarlo stile Egitto/Libia/Iraq/Siria.
    Putin invece fara si che le violazioni della convenzione di Ginevra commesse da Kiev siano rese pubbliche. Saranno gli Usa ad essere smascherati davanti all‘opinione pubblica.

  8. “Grazie” a internet la guerra diventa “pubblica” noi tutti, come d’altronde i vari potenti di turno scrutano il web e ce poco da dire. La donna gravida strangolata, i cadaveri bruciati a metà (testa e mani), crani devastati dai fori di proiettili queste foto sono sul web e noi, che le abbiamo viste possiamo solo che piangere!

Comments are closed.