Home Attualità Confine Siria Turchia abbattuto aereo militare russo
Confine Siria Turchia abbattuto aereo militare russo

Confine Siria Turchia abbattuto aereo militare russo

1.30K
13

Un Jet militare di nazionalità ora sconosciuta è stato abbattuto sul confine tra Siria e Turchia. Il nostro gruppo non è in grado ora di confermare le modalità del fatto e la nazionalità del caccia precipitato. Dall’analisi delle poche info a nostra disposizione potrebbe trattarsi di un SU-24.

Aggiornamenti appena disponibili

Due paracadute sono stati osservati al confine tra Siria e Turchia, si rafforza l’ipotesi di un caccia SU-24

Appartiene all’ aeronautica militare russa l’aereo SU- 24 abbattuto pochi minuti fa dalla difesa aerea turca. Un pilota è morto nello scontro aereo, l’altro è vivo ma prigioniero di un gruppo ribelle a pochi chilometri dal confine turco.

Aggiornamento ore 1010

La Turchia risponde alla Russia che l’aereo russo abbattuto era nello spazio aereo di Ankara e che non ha ottemperato alle richieste di lasciare lo spazio aereo turco. E’ confermato che è un Su-24 aereo abbattuto.

Aggiornamento ore 1030

Il primo ministro turco avrebbe incaricato il ministro degli esteri di recarsi urgentemente a Bruxelles per conferire presso il quartier generale della Nato

Aggiornamento ore 1200

Il ministro degli esteri russo Lavrov ha annullato la sua visita di stato in Turchia, mentre il portavoce del Cremlino Peskov ha annunciato che il presidente russo Putin potrebbe rilasciare una dichiarazione ma solo quando la situazione sarà più chiara.
Confermiamo la morte di uno dei piloti russi identificato da un video in base ai segni di riconoscimento del suo reparto di volo

Aggiornamento ore 1400

Putin l’abbattimento del nostro aereo da parte dei turchi è “una pugnalata alla schiena DA PARTE DI CHI SOSTIENE I TERRORISTI”.
Putin: ci saranno gravi conseguenze alle relazioni tra Russia e Turchia
Putin: lo Stato Islamico ora ha una protezione militare

1303

Comment(13)

  1. Pur essendo noto che la sua ostilità nei confronti del regime di Assad, secondo una ricostruzione del giornale britannico The Guardian, , è dovuta al fatto che nel 2009 “il presidente siriano Assad rifiutò la proposta dell’emirato di costruire un gasdotto che si sarebbe collegato all’Europa in concorrenza con il gasdotto della Russia di Vladimir Putin, alleato dei siriani.
    Non solo: l’anno successivo Damasco strinse un accordo per un’altro gasdotto con l’Iran, sciita, che avrebbe permesso a quest’ultimo di rifornire l’Europa attraversando Siria e Iraq. […] Il Qatar possiede un terzo delle riserve mondiali di gas, ma ha un bisogno disperato di un mercato come l’Europa per venderle. E la Siria avrebbe ostacolato un possibile sbocco”.10

  2. Si chiede alla redazione di questo Blog di intervenire pesantemente nei confronti di questo educato talebano.

  3. Più che ritorsioni economiche io spero che gli restituiscano il “favore”, il primo F-16 che sfiora i confini siriani deve bruciare! Sconfinasse anche per mezzo secondo e da disarmato! ma questo è un mio pensiero…
    Bisogna restare impressionati dal sangue freddo del Cremlino, fossi io avrei già sbroccato e bombardato Ankara e tutte le basi militari turche prossime al confine siriano.
    Invece sono senza parole per la vile difesa offerta da Obama a Erdogan e dal fare li gnorri della NATO, c’è veramente qualcosa di marcio in tutto questo…
    Erdogan parla di difendere i suoi confini, ma difendere da cosa?! vuole solo difendere le sue truppe dell’ISIS!

  4. I turchi hanno gettato la maschera. Ovvio che li deve aver disturbati moltissimo il vedere le raffinerie e le cisterne del califfato distrutte (dato che di quel petrolio ne erano loro gli acquirenti principali).
    Vedremo le reazioni russe. Speriamo solo che non ci siano colpi di coda per il Bosforo e che gli alleati dei turchi li riportino a più miti consigli.

  5. È già il furbone di Erdogan sé tirato la zappa sui piedi. Ora son cacchi suoi, o noi amici NATO continueremo a fare i finti tonti?

  6. Ormai è chiaro che per fermare l’ISIS bisogna fermare anche Erdogan!
    Con le manette o con i proiettili, la decisione sarà della NATO che non può continuare a far finta di niente e coprirlo anche.

  7. Ma sono idioti Erdogan e compagnia?
    Per arrivare ad abbattere un aereo russo in missione anti-terrorismo cos’è che non vogliono che venga a galla dalla Siria? Il traffico di petrolio, gli aiuti all’ISIS, o di peggio..?

    Dietrologie a parte, se anche hanno sconfinato in questo caso è davvero così grave da giustificare l’abbattimento, mica stanno invadendo la Turchia… E la NATO adesso li scuserà? voglio proprio vedere con che facciatosta…

    1. E secondo Lei sarebbe una missione antiterrorismo quella di bombardare quasi esclusivamente l’opposizione siriana e sganciare ogni tanto una piccola bombetta nei confronti di IS?

      Poi possiamo parlare della inopportunità della Turchia in Siria ma nel caso dell’abbattimento non posso che dargli ragione, visto che a casa degli altri non sempre si può venire a comandare (Ukraina docet).
      Come sempre si vuol far passare per legittimo ciò che è illegittimo.

        1. Intendo quella opposizione che è stata perseguita con violenza da Assad per non essersi allineata al suo volere, determinando conseguentemente lo scoppio della guerra civile.

  8. Sarebbe importante individuare la zona in cui è stato abbattuto. Potrebbe essere utile per risalire alla nazionalità

Comments are closed.