Home Attualità Abolire l’Hair-Trigger Alert, unica speranza per un mondo libero dalla paura 
Abolire l’Hair-Trigger Alert, unica speranza per un mondo libero dalla paura 

Abolire l’Hair-Trigger Alert, unica speranza per un mondo libero dalla paura 

915
4

Quello che segue è uno scenario, immaginato per spiegarvi cosa è l’Hair-Trigger Alert e perché va abolito. Considerate che i fatti enunciati non sono del tutto inverosimili ed un episodio simile è accaduto realmente in passato negli Stati Uniti

Casa Bianca ore 03:30 del mattino del 2 Giugno

Il capo dello staff del Presidente Americano entra nell’appartamento presidenziale e sveglia il Comandante in Capo della più grande potenza militare del pianeta. Le sua parole sono glaciali: l’America è sotto attacco. Il Presidente americano ha meno di 6 minuti per decidere se e come reagire. 

La procedura ha un nome sinistro “Launch Under Attack” e prevede un preciso algoritmo che permette ai missili balistici intercontinentali americani di essere in volo, ed in area di sicurezza, prima della detonazione delle testate russe. 

La decisone di un contrattacco nucleare globale pesa come un macigno sul presidente americano, ancora non pienamente efficiente due minuti dopo il brusco risveglio. 

Dal Pentagono confermano che il NORAD sta tracciando oltre 200 vettori russi, che stanno raggiungendo lo spazio e che entro 19 minuti colpiranno il suolo americano.

Il presidente americano cerca conferme assolute prima di ordinare il lancio dei Minuteman III, ma le parole che sente sono sempre le medesime, lancio confermato, 380 testate saranno presto rilasciate dagli ICBM russi, i bersagli sono ancora impossibili da identificare, la difesa antimissile attuale promette di abbatterne circa un centinaio mentre 280 ordigni colpiranno certamente i centri nevralgici militari americani. Associate a queste parole scorrono due cronometri: il primo evidenzia il tempo mancante al primo impatto, il secondo il tempo limite per ordinare un contrattacco efficace con gli ICBM americani. Il primo timer segna ora -16 minuti, il secondo Timer -1:45 secondi. 

Il presidente viene informato che attraverso la linea di comunicazione di emergenza con Mosca i russi negano che vi sia stato un lancio missilistico, a Washington l’incertezza è aasoluta. Cosa stanno facendo i russi, dicono la verità? Qualche generale ha compiuto un gesto folle all’insaputa del Cremlino? Il tempo scorre e una decisione va assunta 

La Casa Bianca ordina l’attivazione di un piano di attacco globale.

Entro poco meno di sei minuti tutti gli ICMB degli Stati Uniti saranno in volo verso la Russia per annientare la capacità bellica di Mosca. Le grandi città per ora non saranno toccate ma gli effetti delle radiazioni costringeranno il mondo a due settimane infernali e anni di caos.

In quei secondi il presidente viene messo in contatto con il responsabile della CIA a Mosca che lo informa che la città vive tranquilla, nessun allarme alla televisione o alla radio e nessuna delle talpe USA nelle forze armate di Mosca ha riferito di un attacco.

Negli stessi istanti dal Pentagono arriva una comunicazione di emergenza: nessun lancio missilistico russo, un virus informatico ha fatto partire una simulazione iper-realistica di un attacco nucleare russo. Il lancio dei missili americani viene annullato.
Ecco questo è l’Hair-Trigger Alert, e il primo obiettivo di ogni uomo di buon senso sarebbe quello di abolirlo con effetto immediato, con l’accordo dei russi e per la tranquillità d i hi vi scrive e di ognuno di noi. 

915

Comment(4)

  1. Non sono assolutamente d’accordo, l’hair trigger ha mantenuto la pace per 70 anni. Perché abolirlo? In fondo è sicuro. Tanto più che anche la Cina sembra andare in quella direzione per il suo arsenale nucleare.

  2. Si riuscirebbe fare una lista dei bersagli USA/Russia in caso di lancio di testate nucleari? C’è una simulazione in questo senso? I paesi NATO come reagirebbero?

  3. Domanda da neofita: mettiamo che un caso simile a quello descritto possa verificarsi per davvero. Come dovrebbe allora reagire la nazione sotto presunto attacco? Potrebbe infatti non esserci il tempo materiale per verificare la veridicità dell’evento, quindi qualche decisione dovrebbe essere comunque presa. Rischiare di essere annientati, o mettere invece a repentaglio la vita stessa sul pianeta?
    Se ho ben compreso, comunque, il problema sussisterebbe solamente nel caso di un falso allarme, ma nell’ipotesi di un vero attacco (con le prove pervenute in tempo) allora l’Hair-Trigger Alert funzionerebbe alla perfezione. Certo, con tutte le conseguenze del caso.

  4. Se tale sistema non esistesse la tentazione di colpire per primi aumenterebbe. La deterrenza nucleare ha evitato finora una catastrofica guerra convenzionale. Comporta dei rischi? Sicuramente. Ma con chi c’è la vogliamo prendere se non con la nostra “umanità”.

Comments are closed.