Home Attualità Il cacciatorpediniere russo Smetlivy torna nel mediterraneo
Il cacciatorpediniere russo Smetlivy torna nel mediterraneo

Il cacciatorpediniere russo Smetlivy torna nel mediterraneo

139
0

Il cacciatorpediniere classe Kashin “Smetlivyy 810”
Nella tarda mattinata del 19 ottobre 2012 il cacciatorpediniere russo Smetlivy ha lasciato il Mar Nero per le acque del mediterraneo dove ora naviga verso una destinazione non comunicata dal comando della flotta russa. Non è difficile immaginare però quale sarà la sua destinazione: le acque al largo della Siria.
Vediamo insieme che tipo di nave è il cacciatorpediniere Smetlivy e per quali scopi può essere utilizzato. Lo Smetlivy è una delle unità maggiori della flotta russa del Mar Nero, ultima nave della Classe Khasin in servizio con la marina russa, è di dimensioni ragguardevoli, misura 144 metri di lunghezza e 16 metri di larghezza, è armato con sistemi d’arma aggiornati che comprendono sistemi antiaerei missilistici a medio raggio ( 40 km circa ), siluri, armi antisommergibile, e missili antinave Kh-35 ( SS-25 in codice NATO ). Ma la caratteristica principale per il quale lo Smetlivy va in missione potrebbe trovarsi negli apparati radar del cacciatorpediniere. Lo Smetlivy infatti dispone di radar per la sorveglianza dello spazio aereo recentemente migliorati ed in grado di controllare dal mare molta parte del territorio della Siria, tutta la Turchia sud-occidentale e l’intero territorio di Israele. In questi giorni con la situazione in Siria estremamente volatile, la Turchia sempre più vicina ad un intervento per mezzo delle sue forze aeree e Israele sempre con il dito sul grilletto in relazione ad un possibile Strike contro l’Iran, lo Smetlivy sarà in grado di controllare per le prossime settimane tutta la regione, rinforzando l’appoggio alla Siria di Al Assad. Che si tratti di una missione di “Intelligence”, più che di una missione di combattimento lo suggerisce anche il fatto che l’unità viaggia sola senza altre navi con spiccate capacità antiaeree indispensabili per la guerra navale moderna.
Dobbiamo inoltre considerare che in questi giorni una parte del gruppo d’attacco ella portaerei Enterprise sta partecipando alla più grande esercitazione tra Israele e Stati Uniti. Esercitazione che testerà il sistema di difesa antimissile dei due paesi con il lancio di missili di vario tipo. Immaginate l’interesse della Federazione Russa per una così realistica esercitazione che potrebbe permettere alle forze armate di Mosca di comprendere in maniera diretta e con strumenti altamente sensibili le capacità del sistema antimissile americano. Lo Smetlivy si avvicinerà quanto più possibile alle zone di esercitazione e gli americani lo ostacoleranno come era di prassi nella guerra fredda. Quella guerra fredda che ritorna ciclicamente da oltre un anno nel mediterraneo orientale.
Qui trovate la scheda dello Smetlivy

139

tags: