Home Attualità Il Giappone è tornato: il Pacifismo Proattivo di Abe Shinzo
Il Giappone è tornato: il Pacifismo Proattivo di Abe Shinzo

Il Giappone è tornato: il Pacifismo Proattivo di Abe Shinzo

491
10

La stesura di questo post deriva da un simposio che si è tenuto lo scorso 30 marzo presso la Camera dei Deputati della Repubblica Italiana, alla quale hanno partecipato tra gli altri due nostri analisti. Il simposio dal titolo “Gli Scenari Geopolitici ed Economici nell’Area del Pacifico Occidentale”, organizzato dalla Fondazione Italia Giappone, ha visto come protagonista il Prof. Matake Kamiya, del National Defense College di Tokyo, nonché studiosi della regione Pacifica Occidentale ed Asiatica Orientale. Questo post ne rappresenta una schematica relazione che offriamo ai nostri lettori.

Il Giappone è tornato, quel Giappone che dopo la sconfitta e l’umiliazione dell’occupazione subita al termine della seconda guerra mondiale, ora rivede la sua postura di pacifismo passivo e mette in pratica una nuova dottrina nazionale di difesa il “Pacifismo Proattivo”.
La traduzione di tale termine, seppur apparentemente letterale, non è la più felice nella lingua italiana. Essa a nostro avviso andrebbe tradotta come “Difensivismo Proattivo”, una specie di traduzione moderna del romano “si vis pacem, para bellum” (se vuoi la pace preparati per la guerra) una dottrina che prevede un ammodernamento ed un aumento numerico dei mezzi e degli uomini delle Forze di Autodifesa Giapponesi e la possibilità per il governo di Tokyo di stipulare patti di difesa collettiva con vari alleati a livello regionale e mondiale.
La Cina è l’avversario principale del Giappone nella geopolitica odierna (non chiamiamo la Cina ancora nemico in quanto Pechino e Tokyo intrattengono fiorenti relazioni economiche e commerciali), la Cina che negli ultimi 6 anni ha mostrato un atteggiamento sempre più assertivo nei confronti dei suoi vicini asiatici (Vietnam, Filippine, Corea del Sud, Taiwan e naturalmente il Giappone) un atteggiamento che ha portato la Cina a confronti “fisici” nelle acque e nei cieli del Pacifico Occidentale con le forze armate dei paesi con cui ha in atto, a vario titolo, dispute territoriali.
Il Governo di Tokyo è fermamente convinto che l’assertività cinese aumenterà nei prossimi anni, parallelamente all’aumento delle risorse economiche sulle quali potrà contare il governo di Pechino, la cui economia continua a crescere, nonostante la crisi mondiale e che nel 2020/2023 dovrebbe superare la stessa economia americana e diventare la prima economia del mondo.
Diventare la prima economia del mondo non significherà automaticamente diventare la prima potenza bellica mondiale, gli Stati Uniti e lo stesso Giappone manterranno ancora per una ventina di anni la supremazia tecnologica in campo bellico, tuttavia il gap tecnologico militare della Cina si assottiglia anno dopo anno.
Ma perché quindi il Giappone ha deciso di modificare la sua dottrina militare di pacifismo passivo? A nostro avviso, e analizzando la relazione del Prof. Kamiya, e grazie alla sua risposta ad una risposta ad una nostra specifica domanda, siamo giunti alla conclusione che il Giappone soffre dell’incoerenza americana nei rapporti dell’amministrazione Obama con “alleati” ed “avversari”. Come il prof. Kamiya ci ha sottolineato gli Stati Uniti di Obama nel 2009 hanno iniziato una politica di “accoglienza e apertura” nei confronti della Cina. Nel 2013, dopo i fatti delle Senkaku e delle illegali ritorsioni cinesi all’arresto da parte del Giappone del comandante di un peschereccio cinese nelle acque delle medesime isole, il quale aveva speronato una unità della guardia costiera di Tokyo, Obama ha attuato una politica di contenimento nei confronti della Cina.
Tuttavia nel 2014, senza che i cinesi modificassero la loro postura aggressiva, e le loro richieste territoriali, l’America è passata nuovamente ad una politica di apertura ed accoglienza nei confronti della Cina. È proprio questa incoerenza degli Stati Uniti che potrebbe aver spinto il Giappone ad accelerare la propria strategia di “Pacifismo Proattivo” o come lo abbiamo tradotto noi “Difensivismo Proattivo”, una accelerazione che ormai pare essere divenuta inarrestabile, come inarrestabile sarà la crescita della potenza militare cinese nei prossimi dieci anni.
Anche se il prossimo presidente americano dovesse tornare ad onorare i patti, sia scritti sia quelli non scritti, con gli storici alleati dell’America, il timore del ritorno al potere di un nuovo “Obama”, dopo quattro anni di supposta relativa stabilità che potrà offrire il prossimo presidente americano, fa si che il Giappone abbandoni definitivamente il propio pacifismo passivo e programmi tutti i passi necessari che gli consentiranno di confrontarsi, anche da solo, contro l’assertività, se non l’aggressività della Cina contemporanea e degli anni futuri.

491

tags:

Comment(10)

  1. Quindi con parole strette strette stiamo assistendo un pò in tutti gli stati ad eccezione di quelli Europei una corsa agli armamenti.
    E tutto ciò dovuto principalmente alla pessima politica estera di Obama. Il problema è che gli effetti li vedremo domani quando gli attori cambieranno, per esempio governo repubblicano in USA, successore di Putin ultranazionalista, Cina maggiormente aggressiva, esercito arabo, atomica all’Iran e paesi del Maghreb in condizioni alterate definitivamente.
    Troppe guerre in troppi posti con troppi nuovi attori e con troppe nuove variabili determinano estrema instabilità e aumenta vertiginosamente il pericolo di scontri regionali con eventuale componente nucleare.
    Sarebbero queste le sicurezze che gli attori del Mondo stanno costruendo?

    1. Una corsa agli armamenti per chi non ne ha abbastanza, e prove di forza tra potenze nucleari…
      Brutta situazione, non c’è che dire.

  2. Stranamente le difficoltà dell’era moderna invece di creare collettività, stanno creando divisioni e malumori difficimelte gestibili. Nel breve medio termine il solo ottimismo non può bastare, e i vuoti verranno colmati con le armi.

  3. Articolo interessante. Considerato il sito da dove è tratto, è una chiara dichiarazione di indipendenza e di orgoglio del popolo russo.
    Dopotutto l’autore ha ragione: noi per chi combatteremo? Per le multinazionali e i banchieri?
    Per le istituzioni che secondo alcuni non ci rappresentano più adeguatamente?
    Per il nostro stile di vita?
    Una domanda a cui è arduo dare una risposta senza scadere nell’ipocrisia e nelle facili critiche che chiunque, conoscendo la storia, potrebbe muoverci.

  4. Esatto Luca, una domanda difficile, la cui risposta non è facile da trovare.

    La verità è che la nostra identità, come popolo, è andata sfumandosi sempre di più, soprattutto dal dopoguerra in poi.
    L’abbiamo persa perché abbiamo perso l’autonomia decisionale. Decidono gli altri, i grandi, e noi stiamo a guardare.
    La naturale conseguenza è proprio l’impossibilità di trovare una risposta valida e universale alla domanda del blogger.
    Siamo schiavi, come popolo, di qualche guerrafondaio che ci minaccia con le basi sparse per tutta Europa, ma questa è l’occasione di collaborare, economicamente per lo meno, con i BRICS. Alcuni paesi come Inghilterra, israele, Australia, etc si sono già uniti alla banca cinese di sviluppo. Ora tocca anche a noi.

  5. La politica americana dove ci vuole portare e quale scopo ha?

    Sono ambigui ma, ripensandoci meglio, sono in tanto a mantenere comportamenti ambigui.
    Gli americani danno una carota qua ed una pedata la. Poi danno la pedata qua e la carota la. In pratica accarezzano e picchiano la stessa nazione mantenendo lo stesso comportamento anche con chi è in conflitto con essa.

    Abbandona l’Egitto ed ora vi torna amico. Sembra abbandonare Israele ed avvicinarsi all’Iran di cui prima era nemica. Israele stessa è contro i palestinesi ma poi li appoggia contro Assad e si allea con i sauditi.
    La Turchia fa amicizia con la Russia ma vuole morto Assad. La Russia è amica della Turchia ma difende Assad. L’Iran fa patti con gli USA ed ai russi ed ai cinesi va bene.
    In contemporanea lo Yemen viene assaltato (o ripreso?) dagli sciiti finanziati dall’Iran ma i patti sul nucleare proseguono senza ripercussioni ufficiali.
    La Germania fa le sanzioni ma poi sembra voler mollare la presa su Putin.
    La Cina ed il Giappone grandi partner economici e poi si stuzzicano sulle isole.
    Israele contro il nazismo e poi è un ebreo a promuovere i gruppi nazisti armati in ucraina.

    Insomma… che cavolo hanno tutti nelle loro teste? Va bene avere interessi economici che contrastano con quelli politici che a sua volta contrastano con quelli militari ma qua sembra di essere in preda a schizofrenia diffusa.

    La parola coerenza non la conosce nessuno. Chi più chi meno ma NESSUNO la rispetta alla lettera.
    Forse se siamo stati in “pace” relativa fino ad oggi è proprio perchè sembrano tutti delle gran puxxxne?

    1. Concordo con il tuo ottimo post. Oggi per capire la geopolitica non bisogna studiare la storia e la cultura dei popoli ma piuttosto la psicologia delle persone a capo di tali popoli.
      Ormai non si capisce più niente e a questo punto ritengo che la totale confusione sia voluta. Nella incertezza della politica tutti sono amici di tutti e allo stesso tempo tutti sono nemici di tutti.
      Ma non è la stessa identica situazione di diffidenza che c’era nei primi del 1900 e che poi ha portato alle WW1 e 2?

Comments are closed.