Home Attualità Il reattore nucleare iraniano di Arak presto in funzione
Il reattore nucleare iraniano di Arak presto in funzione

Il reattore nucleare iraniano di Arak presto in funzione

45
1

Arak Iran
Il reattore ad acqua pesante di Arak, Iran
Secondo fonti dell’agenzia internazionale dell’agenzia atomica (IAEA) il reattore di Arak, nell’Iran centro occidentale, entrerà presto in funzione. Il reattore, che nasce come reattore sperimentale ad acqua pesante, ufficialmente per impiego civile è sotto la lente delle agenzie di intelligence occidentale per il suo possibile impiego in un programma nucleare militare.
I reattori ad acqua pesante possono utilizzare uranio a bassa percentuale di U 235 e per le intrinseche caratteristiche fisiche della reazione nucleare che avviene al loro interno producono molto più plutonio in confronto ai classici reattori ad acqua bollente o pressurizzata. Plutonio che può essere utilizzato nella fabbricazione di ordigni nucleari di piccole dimensioni, ideali per le testate dei missili balistici.
Per questo motivo la notizia dell’imminente messa in funzione del reattore iraniano di Arak aggiunge un importante elemento all’analisi della situazione nell’area, e alla valutazione delle probabilità di un attacco israeliano alle infrastrutture nucleari iraniane.
Risulta riduttivo limitare la linea rossa di Israele alla quantità di uranio arricchito al 20% in possesso dell’Iran, le linee rosse sono più di una e ve ne abbiamo parlato un questo post le linee rosse di Israele .
Secondo le medesime fonti dell’agenzia atomica delle Nazioni Unite, Arak potrebbe essere a regime nel giro di pochi mesi e nel 2014 essere in grado di produrre l’uranio sufficiente alla fabbricazione di due testate tattiche.
La notizia va vista anche alla luce dei prospettati negoziati diretti tra Iran e Stati Uniti sulla questione nucleare. Se è vero che a parole entrambi gli stati sono pronti ad intavolare un negoziato a tutto campo, nei fatti ognuno continua la propria corsa verso lo scontro frontale.
Gli Stati Uniti continuano ad implementare le sanzioni, con le decisione della Camera dei Rappresentanti di implementare le restrizioni all’industria petrolifera iraniana, e l’Iran continua ad espandere la propria capacità di produrre isotopi nucleari utilizzabili a fini bellici, sia con l’espansione delle capacità di arricchimento a bassa percentuale presso il sito di Natanz, sia con l’installazione di nuove cascate di centrifughe presso il centro di arricchimento ad alta percentuale di Fordow, sia in queste settimane con i preparativi per la messa a regime del reattore ad acqua pesante di Arak.
Per ora, a riguardo della questione nucleare iraniana, stiamo assistendo ad un approccio di tipo step by step, purtroppo però non nella direzione della pace.

45

Comment(1)

  1. Rohani è il miglior uomo che i potenti religiosi iraniani potevano avere a capo, un colpo da maestri. Ha alcuni aspetti del vecchio Ahmadinejad. E’ un nazionalista e islamista, furbo, presentabile, dialogante, intelligente, ex militare, il massimo. Dell’Iran la cosa che nessun giornale dice con forza, ed è la cosa più importante di tutti, è che il popolo iraniano, vuole che il proprio paese sia dotato di armi nucleari per scopi di difesa, punto e basta, Occidente volente o nolente. Loro vogliono essere come il Pakistan o l’India, è un’ idea ormai radicata, ne sono convinti e vanno dritto. Certo non si possono ignorare certi fattori di rischio legati al tipo di Paese. Capisco il punto di vista di Israele ed è rispettabile e concreto, anche se l’attrito è soprattutto strategico, tra i militari e la politica di entrambe le parti. Questo possibile attacco che è diventato ormai leggenda, già da tempo ci poteva essere stato e mi dice che la linea rossa di Israele si chiama coraggio.

Comments are closed.