Home Attualità Incontro ravvicinato nel Mar Nero tra Russi e Americani -VIDEO-
Incontro ravvicinato nel Mar Nero tra Russi e Americani -VIDEO-

Incontro ravvicinato nel Mar Nero tra Russi e Americani -VIDEO-

279
45

Il luogo dove con più grande possibilità potrebbe accadere un “incidente” tra Russi e Americani, oppure tra Americani e Cinesi è sicuramente il Mare, di questo ne siamo convinti da molto tempo e ieri uno di questi potenziali incidenti si è verificato nel Mar Nero, con protagonisti lo USS Ross (un cacciatorpediniere americano), e l’aviazione della Federazione Russa (nella forma di tre Su-24).
La nave americana si trova nel Mar Nero per il suo turno di sorveglianza di 20 giorni e pochi giorni prima aveva fatto scalo sulle sponde del Mar Nero appartenenti alla Romania, salpato dalla base militare di Costanza il Ross non si è allontanato mai più di 15/20 miglia dalla costa e con prua est si è sempre più avvicinato alle coste della Crimea.
Tenuto sotto stretta sorveglianza radar dalla Marina Russa, quando la nave americana sembrava puntare direttamente verso la Crimea, il comando Flotta del Mar Nero ha ordinato lo Scramble di 3 SU-24 (aeri che vedono nelle operazioni antinave uno degli scopi principali della loro progettazione). I tre aerei russi hanno eseguito passaggi ravvicinati nei confronti della nave americana, che comunque non ha mai violato le acque territoriali della Crimea, ora annessa militarmente e politicamente alla Federazione Russa.
La scelta del Pentagono di far avvicinare rapidamente alle coste della Crimea una unità maggiore della Flotta americana segnala, a nostro avviso che gli Usa continuano a ribadire la loro ferma opposizione all’annessione della Crimea da parte della Russia, allo stesso tempo la rapida e decisa risposta di Mosca evidenzia, sia la prontezza operativa dei reparti russi in Crimea, sia l’assoluta volontà della Russia di difendere la Crimea come parte integrante della Federazione. La rapida e asimmetrica risposta russa e cioè l’impiego immediato dell’aviazione e non di unità navali di superficie evidenzia inoltre che la Russia è pronta alla guerra,anche con gli Stati Uniti, per difendere la sovranità sulla Crimea. L’impiego dell’arma aerea è una minaccia diretta ad una unità navale, la cosa non va dimenticata.

Ed ecco il video del passaggio del SU-24, numero di coda 34, a breve distanza dallo USS Ross

[youtube width=”500″ height=”300″]jno04lAG6D4[/youtube]

279

Comment(45)

  1. Mi sembra la giusta risposta ad una provocazione. Esagerato mandare in risposta 3 aerei? Sarà… ma la USS Ross non è una nave qualunque ma una lanciamissili con 90 missili da crociera pronti al lancio.

    A mio avviso hanno voluto valutare la risposta russa. Queste provocazioni hanno semplicemente l’intento di monitorare la rapidità ed il tipo di risposta dell’altro. Stessa cosa fanno i russi nel mar Baltico con i loro aerei e forse anche sommergibili.

    Questi giochini vanno avanti e continueranno ad andare avanti per un bel po’. Speriamo sempre che non succeda nulla di grave. Anche se una cosa grave successe già con l’affondamento del Kursk e ne uscimmo tutti “puliti” e sani. Ma stavolta il contesto internazionale è estremamente diverso.

    A mio avviso hanno voluto verificare anche eventuali similitudini con i problemi avuti dalla Donald Cook tempo addietro quando un Sukhoi l’avvicinava (era la Donald Cook?)

    1. La provocazione non è la prua del cacciatorpediniere verso la Crimea, ma l’annessione illeggittima della Crimea con la forza e con la violenza da parte russa.
      Per gli USA e per il mondo, la Crimea è ancora territorio ucraino, per cui non c’è niente da blaterare da parte russa a riguardo.
      Questa storia è cominciata male e finirà peggio.

      E con questo non significa che non rispetto il principio di autodeterminazione ma ne contesto il metodo adottato. Fare un referendun dopo avere assaltato e occupato le istituzioni civili e militari ucraine da parte delle forze armate russe, non rappresenta nè un principio democratico di scelta, nè tanto meno una manifestazione di autodeterminazione.
      Cosa accadrebbe se gli USA mandassero omini verdi, ad esempio, in Lettonia e organizzassero un finto referendum per farla annettere agli USA?

      1. Andrea,
        Ho scritto moderato ed obiettivo parlando di provocazioni bilaterali e te te ne vieni fuori con il solito pippone anto russo?

        1. Guarda che non ti stavo mica attaccando. Ma visto che l’articolo parlava di provocazioni e nel tuo commento parlavi di giusta risposta a una provocazione, ho voluto esporre il mio punto di vista.
          Se per te è il solito pippone antirusso, prova ad pensare che c’è chi è morto per difendersi da questo solito pippone.

          1. Se per te è il solito pippone antirusso, prova ad pensare che c’è chi è morto per difendersi da questo solito pippone.

            a-ah!

            ora si spiegano molte cose…mi scusi, ma non sono stati i nazi fascisti e company ad attaccare la russia???

            no perchè se pensiamo che ci siamo difesi, allora stiamo freschi…

          2. Questa frase del “ci siamo difesi dai russi”…beh…denota la sua ideologia politica…

            noi che assieme agli usa abbiamo causato 20 milioni di morti russi, ci siamo difesi?? MA SCHERZIAMO?

            ma ora si capisce il perchè di quello che anch’io non stento a definire il solito ” pippon” antirusso… se pensiamo che ci siamo difesi, quando invece li abbiamo attaccati, siamo nella piena falsificazione storica…è come dire che nei campi di concentramento c’erano tutte spie filo russe, quando c’erano ebrei, omosessuali e handicappati…SIAMO ALLA PAZZIA!!

  2. È tutta una strategia di graduale tensione prima dello scoppio di un conflitto. Tutte queste provocazioni, sabotaggi, attriti in zone particolarmente strategiche ne sono il preludio
    Ormai ne sono convinto

  3. Andrea per lei se lanciassimo i missili nucleari contro la russia e la cina domani mattina andrebbe bene, vero?
    così togliamo di mezzo quei rompi palle sanguinari e mangia insetti dei cinesi, dico bene?per non parlare dei comunistoidi russi, branco di pazzi sanguinari anti diritti, che hanno conquistato mezzo mondo alle spese anche nostre…lo vediamo tutti i giorni…attacchiamoli subito ragazzi , immediatamente, prima che piantino una guerra a casa nostra e ci freghino trento e trieste , che mi pare ne abbiano proprio intenzione…eh si, mi pare ovvio…

    1. La pensava così l’europa la sera prima del 1° settembre 1939. Tanto mica i tedeschi verranno ad attaccarci. Abbiamo con loro un ottimo rapporto, stipulato alleanza e trattati.

  4. ma certe persone non capiscono ne capiranno mai nulla….ecco perché si spendono MILIARDI DI EURO OGNI MESE per le trasmissioni televisive…vada a leggersi “il giornale” o gli americani paranoidi di jane’s…che per loro , saremmo già alla quinta guerra mondiale…però sono loro che vanno nel mare dei cinesi..in africa…in medio oriente…che si fanno gli attentati false flags come quello del golfo del tonkino…ma guarda te, ha ragione alex , i russi sono pazzi, attacchiamoli SUBITO, che sono perisolosissimi, con i loro omini verdi del c****o!!

  5. Esatto lux, ma perché non essere obiettivi.. La provocazione qui descritta era americana… Succederebbe lo stesso se la russia puntasse una nave contro la Florida…

  6. Andrea, gli Usa hanno mandato omini verdi ovunque nel mondo e da almeno un secolo. Di cosa stai parlando?

  7. Alex,
    Sarebbe la stessa cosa per chi riconosce legittima l’annessione ed il referendum in Crimea. Chi non la riconosce non lo vedrebbe alla stessa maniera.
    Sfortunatamente dipende dal punto di vista.

  8. Esatto Sandro, gli usa hanno interferito in decine di paesi ( compreso il nostro: vi ricordate le portaerei americane nei porti italiani per costringere la popolazione a votare la dc?)

    Persino il Guardian si spinge a definire il comportamento americano imperialista in questo articolo:

    http://www.theguardian.com/commentisfree/2015/may/28/conflict-us-china-not-inevitable-empire

    Non proprio propaganda russa eh…

    Certo se uno vuole difendere gli usa, può sempre appellarsi alla ” pace, democrazia, valori” etc etc etc, che sono stati notoriamente esportati in iraq, siria, filippine, paesi dell america latina, congo, Nigeria…

    Li si sta talmente bene che potremmo trasferirci, che ne dite?
    No? Beh ma perché no? Li si sta benissimo, grazie agli usa e chi per loro (leggi nato)…

  9. Bene hanno fatto i Russi a rispondere a quello che è stato un evidente tentativo di saggiare il dispositivo di difesa della Crimea. Inoltre mi trovo d’accordo con GPC sul “tono ” della risposta russa.

  10. Leggevo e continuo putroppo a leggere commenti di persone che hanno confuso la storia con le storielle, che confondono i fatti con le illazioni e le provocazioni, che perpetuano i sentimenti antioccidentali per giustificare qualsiasi cosa sia avvenuta negli ultimi 70 anni di storia. Persone che venderebbero la propria madre pur di attaccare gli USA, l’occidente e la NATO e santificare le azioni russe come futuro da perseguire e ricercare.
    Spiace veramente vedere che un blog a carattere informativo debba ogni volta infarcirsi di cotanta faziosità e mistifacazione storica.
    Tutti quelli che oggi hanno la possibilità di scrivere e pensare liberamente lo devono ai morti delle truppe alleate che hanno garantire un futuro anche a questi soggetti.
    Se non si comprendere da dove si viene e perchè abbiamo la fortuna di essere italiani, polacchi, inglesi, francesi etc… non si comprenderà mai dove si vuole andare.
    Gli USA per quanto siano una nazione che ha avuto e ha un ruolo geopolitico mondiale, non ha mai occupato e annesso nessuno. Nella NATO si è sempre entrati per libera scelta delle nazioni. Anzi, a memoria, non c’è stata nazione post WW2 che abbia annesso alcuno.
    E se propria la vogliamo mettere sul piano referendario e dell’autodeterminazione dei popoli, un esempio di corretta interpretazione lo troviamo nella divisione pacifica della Cecoslovacchia in due Repubbliche distinte e separate.
    Ci si autodetermina per rendersi indipendenti non per farsi annettere da qualcuno. Questa per me si chiama svendita fallimentare.
    Una grande nazione come la Russia non avrebbe dovuto e potuto agire come ha agito se non avesse avuto dalla sua la forza nucleare a permetterglielo. Anche la germania hitleriana aveva ritenuto di voler annettersi vari stati europei grazie alla sua potente macchina militare. E da questo punto di vista, nell’azione di principio, non c’è alcuna differenza da la germania nazista e la russia putiniana. E differente la risposta che l’occidente ha dato. Non è pensabile fare una guerra alla Russia perchè sarebbe la sconfitta non solo della Russia, ma anche degli attaccanti. Questo lo sanno i russi e lo sanno gli americani che, volente e nolente, ci governano insieme ai cinesi. Chiaramente questo principio oggi è fortemente messo a dura prova e se domani, alla Crimea, si dovessere aggiungere qualche repubblica baltica, il quadro cambierebbe in modo veloce e drastico perchè a qual punto non stiamo più parlando di “referendum” ma di “occupazione” e nessun’altra concessione verrà fatta alla Russia, con tutte le conseguenze che ne deriverebbero.
    Questi sono i fatti che piacciano oppure no. Non è un augurarsi la guerra ma capire che ci sono delle linee oltre le quali la guerra putroppo diventerebbe una realtà ai cui effetti nessuno potrà sottrarsi.

  11. Gli USA per quanto siano una nazione che ha avuto e ha un ruolo geopolitico mondiale, non ha mai occupato e annesso nessuno.

    ah no??ma cosa sono le basi sparse in tutto il mondo??puntini su una mappa?

    1. Vedo che continua a non voler capire.
      Puntini in stati democratici, liberi e indipendenti dove gli USA si appoggiano per accordi scritti con gli stessi e per loro diretta volontà e non per annessione degli stessi.

  12. chi ha cominciato tutto questo casino??

    Il primo punto del memorandum di Budapest recita così:
    Respect Ukrainian independence and sovereignty and the existing borders.

    Allora la risposta russa si basa su questa semplice asserzione :

    Russia accused Western governments of violating the pledge to respect the political independence of Ukraine by “financing a coup d’etat” that ousted President Viktor Yanukovich.[30][31]

    Quindi, per i russi gli usa non hanno mantenuto fede al primo articolo del memorandum, e loro, in tutta risposta, non hanno mantenuto fede all’obbligo di preservare i confini ucraini, essendo però venuto già meno il presupposto di mantenere l’Ucraina indipendente dopo la rivolta contro un presidente che voleva fare rispettare il memorandum, essendosi precedentemente rifiutato di entrare nell ue e di fare come la polonia etc, cioè entrare nella nato, chiaro obiettivo del nuovo governo Poroshenko, ribadito da egli stesso…

    1. Ci vuole coraggio a venier ad accomunare l’indipendenza di uno stato con l’indipendenza politica dello stesso.
      In sostanza la Russia si lamenta di non avere pià il controllo politico dell’ucraina la cui indipendenza non gliene può fregare nulla.
      Deve essere molto gratificante per un ambasciatore avere a che fare con gente che gioca con i giri di parole.
      Come voler dire che la palla è rotonda e rotola solo se ci gioco solo io, per gli altri è quadrata.

  13. dunque, poroshenko ha violato il memorandum, o per lo meno lo vuole violare. lo sapte il perchè? perchè tutti sanno che la russia non può accettare ciò e che questo fatto provocherebbe una guerra prima regionale e poi globale…quello che vogliono per mantenere l ‘impero, sempre che la vincano…

  14. Per Andrea.

    Io credo che esista un sentimento antioccidentale da una parte di maniera. Dall’altra studiato e perseguito a scopi politici.

    In ogni caso gli argomenti portati a sostegno della visione anti occidentale sono molto faziosi e sterili. Mai un cenno al progresso portato dalla visione liberale e di diritto espressa di fondo dalle culture occidentali, specialmente le anglosassoni. Certo la nostra storia e’ piena di contraddizioni e quelle sono sempre ricordate .. l’avventura fallimentare socialista è già scordata … le sue conseguenze negate.

    Oggi i Russi affermano il capitalismo di stato e lo stato degli oligarchi e questo viene ritenuto lecito dai critici del mondo occidentale. E’ sorprendente come spesso la stessa India, ordinata per caste … venga citata come elemento di positiva novità..

    A queste persone la vedo dura controbbatere. Al più gli si può ricordare che il loro pensiero è il loro e non di tutti.

    Alessandro.

    1. Controbattere a delle fissazione è impossibile perchè non sono dettate da un analisi oggettiva ma da risentimenti personali che derivano probabilmente da mancata libertà di espressione nella società odierna, vuoi per mancanza di rappresentatività politica, vuoi perchè si vuole identificare un nemico per giustificare i propri fallimenti.

      E’ un bel pò che seguo GPC e putroppo devo riconoscere che consentire di commentare liberamente sta rappresentando un grosso limite di questo sito. Non perchè sia giusto instaurare la censura, ma perchè putroppo il livello di odio sociale che trasuda da alcuni post è troppo elevato e sta rasentando in alcuni atteggiamenti, anche la xenofobia.

      Discutere di ciò che rappresenta la parola “liberale” e “diritto” non è possibile se immediatamente dopo si assiste all’ennesimo attacco a chi ha portato nell’evoluzione sociale tali parole senza comprenderme i secoli di storia che ci sono dietro.

      E’ veramente disarmante dover assistere a questo spettacolo indecoroso verso la storia.

  15. In ogni caso gli argomenti portati a sostegno della visione anti occidentale sono molto faziosi e sterili. 

    Bah ma allora è fazioso anche l’articolo del guardian sull impero usa… Eh già, tutti un branco di maledetti comunisti non c’è che dire…
    Non è più facile che alcuni in occidente vogliano la guerra e operino continue provocazioni nei confronti di russia e cina?

    A proposito dei benefici liberali…io ci andrei piano, che se abbiamo interi paesi senza futuro economico e tanto meno sociale, lo dobbiamo proprio a quelle ricette liberali attuate da Reagan in poi…si ripassi l’economia e che cosa hanno provocato le ricette liberali e poi forse potrà parlare, ammesso che ne capisca qualcosa…

    Comunque magari per lei non c’è crisi, non c’è nessun problema, se ne frega di chi sta peggio di lei, magari pensa che sia addirittura colpa loro, dei fannulloni, dei bamboccioni, dei cosiddetti centri sociali… È un nascondersi dietro al muro del perbenismo liberale, che comincia a mostrare le sue crepe. E sono troppo evidenti, le si potrà camuffare per un po, ma cominceranno a venire fuori prima o poi, e questo scontro artificioso con la russia per una penisola o con la cina per quattro isole sono l’ennesima dimostrazione dell ipocrisia occidentale… Gli altri lo hanno capito , e, infatti, non ci stanno più.
    Si stanno organizzando per conto loro, con banche di sviluppo che partono dalla cina e finiscono in brasile, con patti per la cooperazione, non lo scontro. Hanno i loro difetti, ma stanno indubbiamente migliorando dal punto di vista sociale e economico.
    Qualcuno li vuole fermare, mi pare ovvio, ma a meno che non vogliano suicidarsi, dovranno mollare la presa: è inevitabile, l’alternativa sarebbe l’olocausto nucleare.
    Quindi mettiamoci il cuore in pace, il futuro del mondo non sta qui ne in usa, ma in altri continenti, che si stanno sviluppando… Non è detto che ciò sia una bene, ma per favore, siamo persone serie, non nascondiamoci dietro la crimea o le sensaku, siamo più intelligenti di così.

  16. Esatto alex, è quello che penso anch’io.. Benefici per noi, sfruttamento per gli altri… Gli altri non ci stanno semplicemente più, tutto qui. Non so se da questo possa nascere un mondo migliore,sinceramente parlando, ma i comportamenti provocatori e bellicosi non sono la risposta corretta, anzi.

  17. Beh, gli USA non occuperanno nessuno ma comunque sia riescono a mettere i loro fantocci in tanti posti:
    La UE stessa non ha sovranità.
    Guardiamo anche il caso Grecia. Alla fine alla UE andrebbe anche bene sbatterla fuori dall’Euro, l’impatto economico sarebbe tollerabile. Ma invece gli stiamo dando il sedere solo perchè qualcuno al di la dell’oceano ci dice di andare avanti e sopportare. Tutto questo perchè l’uscita della Grecia dall Euro non sarebbe un trauma a livello economico ma lo sarebbe a livello geopolitico con l’ingresso dell’influenza russo-cinese direttamente in Europa e con la possibilità che questa si allarghi a Ungheria, Serbia e Austria (solo per dirne alcuni).

    I greci stavolta hanno votato il partito giusto. Un partito che non risolve la situazione (è irrisolvibile) ma sicuramente sta’ sfruttando la situazione geopolitica a suo favore potendo essere ora nella posizione di prendere in giro tutta la tecnocrazia europea.

  18. Però sapete io non ho mai visto nessuno fuggire dalla Germania dell ovest in quella dell est.Ho visto invece fuggìre gente da quella dell est in quella dell ovest

  19. Concludo oggi la mia serie di commenti perché trovo che sia impossibile far capire a delle persone indottrinate anche un minimo di verità, non dico tutta, ma un minimo.
    Difendete il liberalismo, pensate di essere superiori, non vi aprite all’altro neppure cascasse il mondo, avete una visione, quella insegnatavi a scuola e in tv, della superiorità di noi occidentali, che non si riuscirà mai a scalfire: per questo motivo se un giorno vedremo un attacco alla russia o alla cina, non sarà colpa di quattro pazzi banchieri o politici, no, sarà colpa di persone così, che vedono tutto nero o tutto bianco, incapaci o nolenti a riconoscere che anche l’altro ha la sua visione del mondo, la sua vita, la sua cultura, e che non necessariamente vanno stroncati in nome della nostra presunta superiorità.
    È inutile dare la colpa ai guerrafondai politici quando i primi siete voi, giustificando lumanamente ingiustificabile, incuranti delle immani sofferenze che questa visione del mondo ha causato e continuerà a causare: bravi, molto bene, siete delle brave pecore, il pastore che vi conduce se la gode.
    Anche perché lui non ha nulla, e dico nulla, da perdere, e più persone lo giustificano più è potente. Bravi.

  20. Al posto di portare argomentazioni valide, tra apologia del fascismo e spinte guerrafondaie, siete uguali a quellidi cui vi lamentate, se non addirittura peggio: i vecchi politici ci hanno tenuti in pace per 70 anni almeno.

    Il mondo sarebbe fermo se fosse per persone così, e per certi versi, lo è.

    Comunque concordo pienamente con alex, anch’io non commenterò più. Vi lascio nel vostro brodo di superiorità. Bravi.

  21. A proposito di occupazione : gli usa hanno 650 basi circa in tutto il mondo, la cina zero. 650 A ZERO… MA FORSE DEVO SCRIVERE SEICENTOCINQUANTA A ZERO!

      1. Più di 1000 basi o installazioni militari

        La maggior parte delle fonti di informazioni su questa questione (soprattutto C. Johnson, il Comitato di Sorveglianza della Nato, l’International Network for the Abolition of Foreign Military Bases, ecc.) rivelano che gli Statunitensi posseggono o occupano tra 700 e 800 basi militari nel mondo.

        Concepita da Hugh d’Andrade e realizzata da Bob Wing, la carta 1 intitolata: “U.S. Military Troops and Bases around the World”, The Costs of ‘Permanent War’, pubblicata nel 2002, permette di costatare la presenza di militari statunitensi in 156 paesi, della loro presenza su basi statunitensi in 63 paesi, di basi recentemente costruite (dopo l’11 settembre 2001) in sette paesi ed un totale di 255.065 effettivi militari. Questa presenza che si traduce in un totale di 845.441 installazioni diverse copre, nei fatti, dei terreni per una superficie di 30 milioni di acri. Secondo Gelman, basandosi sui dati ufficiali del Pentagono del 2005, gli USA possiederebbero 737 basi all’estero. Con quelle del territorio metropolitano e dei loro propri territori, le basi coprirebbero una superficie totale di 2.202.735 ettari, cosa che farebbe del Pentagono uno dei più grandi proprietari terrieri del pianeta (Gelman, J., 2007).

  22. Scusate ma pensate che noi occidentali siamo schiavi del sistema, dei banchieri, degli illuminati mentre il resto del mondo viva on perfetta armonia e sviluppo? Seriously? Pls andate a farvi un viaggio in Cina e Russia dove nel primo la gente offre le proprie ragazzine minorenni in spose per assicurarsi un futuro e in Russia dove i ragazzini vivono nelle fogne sniffando colla.Che l America sia imperialista non ci piove ma se devo essere dominato meglio esserlo da un paese che mi permetta di vivere bene.Saro poco idealista ma mica so scemo

  23. Che poi tutto questo antioccidentalismo nasce solo quando il sistema pompa meno soldi necessari per alimentare il sistema stesso . Quanto sono ingrati e viziati i tuoi figli capitalismo

  24. Vado a vedermi gli highlights dell imperialismo statunitense in Cecenia

    Ah no…aspetta

    1. Dicono che si sia trattato di un attacco normale, ma ad un deposito di munizioni.
      Ma quel fungo mi sembra troppo alto e grande, personalmente, nella mia ignoranza, penso anche io ad una mini mini nucleare tattica

      Colpito deposito di Scud e relativo combustibile liquido, nessuna atomica.

      1. Si vede la prima esplosione (la bomba) e poi la successiva (il deposito).

        Si vede che è carburante. Infatti è la parte bassa a rimanere calda. In un’esplosione nucleare mi sembra che si veda il cappello del fungo rimanere caldo.

  25. a me sembra esplosione di una bomba termobarica “air fuel bomb”. Si vede la prima esplosione che serve a disperdere il combustibile e poi la seconda che lo incendia..

Comments are closed.