Home Attualità La Russia accusa gli Usa: Strike aereo in Siria contro truppe governative
La Russia accusa gli Usa: Strike aereo in Siria contro truppe governative

La Russia accusa gli Usa: Strike aereo in Siria contro truppe governative

1.31K
10

Il Ministero della Difesa di Mosca ha accusato aerei “della Coalizione a Guida Americana” di aver eseguito un bombardamento contro posizioni dell’esercito governativo siriano a Dier Ezzor e che questa azioni ha causato al morte di 62 soldati siriani e il ferimento di altri 100 uomini fedeli ad Al Assad. Lo Strike, secondo i Russi è stato eseguito da aeri F-16 e A-10.
Nessuna misura di ritorsione è stata messa in atto dalla difesa aerea Siriana o delle Forze Aeree della Federazione Russa presenti in Siria.
Secondo il Ministero della Difesa di Damasco in seguito all’attacco degli aerei americani le truppe dello Stato Islamico sono avanzate fino a conquistare la strategica collina di Tharadeh, fondamentale per la difesa dell’area dove sono asserragliati i reparti di Al Assad.

Aggiornamenti appena disponibili

Ore 20:45

Fonti Russe: se l’attacco contro i soldati siriani è stato un errore si deve alla volontà americana di non coordinassi con noi sulle azioni aree in Siria

Ore 20:47

Sale il bilanncio delle vittime a Dier ezzor: 80 morti. Forse lo strike aereo americano più letale della campagna di Siria

Ore 21:50

Il Pentagono: Avevamo avvisato i russi di attività aerea su Dier Ezzor dopo comunicazione di Mosca abbiamo sospeso i Raid nella zona. Nei fatti si tratta di una ammissione di responsabilità

Ore 23:01

La Russia chiede la Convocazione Urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per discutere del bombardamento americano sulle posizioni dei soldati siriani

Ore 23:31

Si fa teso il clima tra Cremlino e Casa Bianca: Il Portavoce del Ministero degli Esteri russo: dopo l’attacco di oggi siamo giunti alla conclusione che gli la Casa Bianca (non gli USA) difendono ISIS

1313

Comment(10)

  1. Quando i Russi prenderanno la decisione di abbattere aerei americani? Mi sembra sennó una campagna un poc schizofrenica

  2. Invece quando i russi bombardano gli ospedali ed utilizzano bombe a grappolo, al fosforo e incendiarie è tutto ok.
    Fanno tutte e due schifo e fanno ancora più schifo quelli che parteggiano per gli uni e per gli altri

  3. La domanda a mio avviso, è un’altra: come mai una forza armata come l’aeronautica degli Stati Uniti d’America dotata dei mezzi più tecnologicamente all’avanguardia nel mondo (basti pensare all’f22 o al B2) una forza armata che ha sempre fatto degli “attacchi di precisione” il suo più grande vanto non è riuscita a distinguere fra poisizioni dei miliziani ISis e truppe governative siriane? Verrebbe lecito chiedersi cosa ci stiano a fare le decine di satelliti spia messi in orbita a ritmi regolari e gli altrettanti aerei da sorveglianza (AWACS/ECM/SIGINT) che volano in ogni punto del globo.
    Il fatto è che se da un punto di vista meramente tattico si può liquidare la cosa come “tragico errore” può succedere si, anche nelle migliori famiglie, non lo è altrettanto dal punto di vista politico. Senza contare l’estrema irritazione di russi siriani ed iraniani ci si chiede anche, come hanno fatto osservare fonti diplomatiche russe, chi realmente comandi a Washington se i generali del Pentagono oppure il presidente Obama.

    1. Il problema non è parteggiare per i russi o per gli americani ma è essere a favore o contro l’ISIS. La tua posizione mi sembra un pò ambigua, quella degli Stati Uniti molto meno. Vedi tu!

      1. Gli ospedali non hanno bandiera, né tantomeno la popolazione civile. Di ambiguo c’è solo la politica di due stati imperialisti come gli USA, la Russia e la Cina che hanno completamente svuotato di ogni funziona l’unico organismo riconosciuto da tutti che avrebbe dovuto vigilare sul rispetto dei diritti dell’uomo e isolare e bloccare qualsiasi stato utilizzo le armi per dirimere le questioni internazionali….ONU

        1. Si, questo è come descrivono l’ONU ai bambini delle elementari ma in verità non è mai stato questo. L’ONU non ha impedito quasi nessuna guerra, a parte qualche guerra tra miserabili in qualche posto sperduto da dio che non aveva nessun interesse per nessuna potenza.
          L’ONU non ha mai avuto la forza di imporre niente a nessuno a meno che non fosse nell’interesse delle potenze del consiglio di sicurezza, in particolare gli Stati Uniti che ne detengono la sede e ne controllano la struttura organizzativa oltre ad avere un potere di fuoco mediatico tale da influenzarne le decisioni spesso falsamente.
          Non so se ti ricordi Colin Powel con la fialetta di antrace all’assemblea dell’ONU quando serviva far credere alle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein? Secondo te è possibile che venga permesso a qualcuno di entrare nel palazzo di vetro con una fialetta del genere e di esibirla impunemente senza essere bloccato dai servizi di sicurezza? Poteva anche semplicemente scivolare dalle mani di Powell e addio ambasciatori, Ciolin Powell e compagnia cantante.
          Era tutta una farsa organizzata con il beneplacito delle Nazioni Unite o quantomeno i dirigenti organizzativi.
          Quindi evitiamo ste uscite ingenue sull’ONU. Questo è un sito di geopolitica, non fiabe per bambini.
          In quanto agli ospedali non se ne hanno colpiti di più gli americani tra Iraq, Siria e Afganistan, i russi in Siria o i sauditi nello Yemen.
          La verità è che degli ospedali non gliene frega niente a nessuno e vengono utilizzati solo a fini propagandistici da tutte le parti in causa.
          Svegliamoci e cerchiamo di tenere alto il livello degli interventi.

          1. Passi tutto ma la favoletta, questa si da elementari, che gli USA controllano la struttura organizzativa dell’ONU non si può proprio leggere. Il principio per il quale è nata prima la Società delle Nazioni poi diventata ONU è proprio la presunta favoletta raccontata da me. Se poi soggetti statali mafiosi come i membri del Consiglio Permanente ne hanno minato la credibilità, questo è sotto gli occhi di tutti.
            Anche questa è geopolitica e quindi se non ti piace leggere le mie favolette, nessuna ti obbliga a farlo

          2. Finalmente qualcuno ha insegnato qualcosa a Andrea. Non si potevano proprio più leggere i suoi interventi. Bravo Antonio. Condivido pienamente le conclusioni e soprattutto la sua ultima frase.

Comments are closed.