Home Attualità La Russia non abbandona la Siria di Assad. Sarà Veto
La Russia non abbandona la Siria di Assad. Sarà Veto

La Russia non abbandona la Siria di Assad. Sarà Veto

25
0

In questi giorni di tregua sul fronte iraniano, in attesa del vertice di Istanbul, che ad oggi non è stato ancora indetto, l’attenzione della diplomazia ed in parte dei militari è focalizzata sulla Siria di Assad. Il segretario di stato americano Hillary Rodnam Clinton è attesa nella serata di oggi o al più tardi domani presso il palazzo di vetro delle Nazioni Unite, per parlare con gli ambasciatori degli stati facenti parte del consiglio di sicurezza.

Il presidente americano Barack Obama, continua a ripetere in ogni discorso pubblico, che il regime siriano è alla fine, che Assad deve dimettersi e invia il suo rappresentante diplomatico di più alto livello, il segretario di stato Clinton, presso le Nazioni Uniti nel tentativo di raggiungere un accordo con i Russi. La Russia però non si è mossa, e non si muoverà di un millimetro, eserciterà il proprio diritto di veto ripetutamente e senza timore delle critiche occidentali. La Russia ha accettato nel 2011 di concedere una certa libertà di azione agli occidentali sull’affair Libico, e probabilmente il blocco occidentale si è spinto oltre gli accordi forzando la mano ai russi.

Questo scenario, secondo i nostri analisti che si occupano della regione mediorientale, non è ripetibile, i vertici politici diplomatici e miliatri della Federazione Russa non abbandoneranno Assad per nessun motivo, e per nessuna contropartita, che il segretario Clinton possa loro offrire. La fiducia dei russi nei confronti di questa amministrazione americana è ridotta ai minimi termini, nel recondito timore che l’onda lunga delle rivolte aggregate dall’uso di internet e facilitate dai servizi segreti di molti paesi, compresi gli Stati Uniti, possa arrivare fino alle porte di Mosca e scardinare il sistema di potere che controlla il Cremlino. Sistema di potere che ha sì ridotto le libertà personali, di aggregazione, e di espressione in Russia, ma che ha riportato la Russia e le sue forze armate tra le nazioni che il mondo teme e che, di riflesso, il mondo rispetta.

Se Assad cadrà per mano di un colpo di stato interno oppure per il cedimento della fazione Alawita la Russia non potra fare molto per limitare i danni ma per il momento garantisce e garantirà all’attuale regime siriano ogni tipo di appoggio, in patria e all’estero, nelle questioni diplomatiche e in quelle militari. La soluzione, qualunque sia, in Siria è ben lontana dall’essere trovata.

Aggiornametno delle ore 22.36

Il segretario di stato Hillary Clinton ha dichiarato che l’inerzia delle nazioni unite nei confronti della Siria “comprometterebbe la credibilità” dll’organizzaione stessa. È una dichiarazione importante, per una amministrazione americana, che aveva fatto del multilateralismo in sede ONU il suo fondamento in politica estera.

tags: