Home Attualità La Turchia pronta ad entrare con le proprie truppe nel Nord della Siria
La Turchia pronta ad entrare con le proprie truppe nel Nord della Siria

La Turchia pronta ad entrare con le proprie truppe nel Nord della Siria

17
5

La Turchia sembra fortemente intenzionata a creare una “zona cuscinetto all’interno della Siria, facendo presidiare da 50000 uomini delle forze di sicurezza turche. Formalmente dovrebbe trattarsi di forze di polizia “pesantemente armate”, tuttavia l’ipotesi più probabile è che se ciò avverrà sarà attuato dalle forze armate turche.
Non è chiaro lo scopo di tale intervento armato turco in terra siriano, in quale ambito del diritto internazionale verrà inquadrato e la durata di tale operazione.
La motivazione più evidente potrebbe essere quella di fermare il flusso di profughi e allo stesso tempo aumentare il controllo sui confini tra Turchia e Siria.
In una evenienza simile, non è al momento predicibile la risposta della Siria e dei suoi alleati.

17

tags:

Comment(5)

  1. All’interno della Siria?
    Assad dovrebbe vederla come un invasione a tutti gli effetti.

    Ma che gli prende a tutti quanti in questo periodo? Tutti bisognosi di ettolitri di camomilla?

    1. Stiamo attraversando un periodo storico dove ognuno fa quello che gli pare i cui effetti di sentiranno a tutti i livelli.

      1. magari!

        a me sembra invece che un sacco di gente pretenda di arrogarsi il diritto di dire agli altri cosa debbano fare, dalle tasse dei paradisi fiscali alle emissioni di anidride carbonica alla pena di morte fino a come ci si deve vestire (penso al burqa, non alla moda) c’è sempre qualche Illuminato, depositario della Verità, che dilaga oltre ogni confine

        1. A me sembra invece che ci sia qualcuno che più di una volta posta affermazioni di anarchia delirante, in conflitto con ogni decisione presa da qualsiasi forma di governo o organizzazione internazionale perchè in antitesi con le proprie espressioni di liberismo estremista.
          La verità non sarà quella degli altri, ma certamente neanche quella che affermi ogni volta.

          1. la differenza è che “noi anarchici deliranti e liberisti estremisti” ce ne freghiamo se quello che incrociamo per la strada è in giacca e cravatta o in pantaloncini corti, se ha il crocefisso al collo o il turbante in testa, se è nudo o col burqa, ci basta che tenga la destra e si fermi ai semafori rossi, anzi, se sta in un’altra parte del mondo può benissimo tenere anche la sinistra!

            e se le “decisione presa da qualsiasi forma di governo o organizzazione internazionale” non corrispondono alla mia etica non mi sento affatto in dovere di Credere, magari potranno impormi di obbedire e di combattere per, ma certamente non di credere in, decisioni che sembrano uscite dritte da tordesilas con 600 anni di ritardo, specie quando VENGONO SPACCIATE per “Volere del Popolo”

Comments are closed.