Home Attualità Programma Nucleare Iraniano accordo raggiunto tra Usa e Iran. Aggiornamenti
Programma Nucleare Iraniano accordo raggiunto tra Usa e Iran. Aggiornamenti

Programma Nucleare Iraniano accordo raggiunto tra Usa e Iran. Aggiornamenti

31
7

Nostre fonti riferiscono che Iran e Stati Uniti avrebbero raggiunto un accordo sulla questione del programma atomico iraniano. Le consultazioni che si sono svolte negli ultimi giorni hanno portato alla firma di un accordo che consente all’Iran di proseguire l’arricchimento del minerale di Uranio anche in località fortificate come il sito di Fordow. L’accordo prevede che l’Iran possa possedere 6000 centrifughe operative, senza specificare quale tipologia , continuare a sviluppare nuova tecnologia nucleare, centrifughe, reattori ad acqua pesante e non fa alcuna menzione riguardante lo sviluppo di missili balistici, sviluppo già teoricamente inibito da una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ma che la Repubblica Islamica ha da sempre non osservato
La decisione dell’amministrazione americana del presidente Obama, di consentire all’Iran di diventare uno stato “sulla soglia” della capacità nucleare, ha giocato un ruolo decisivo nella decisione saudita di intervenire militarmente in Yemen, così come ha determinato una saldatura strategica tra Arabia Saudita ed Israele, fatto che potrebbe portare benefici alla popolazione palestinese, per la quale i sauditi potrebbero chiedere allo Stato Ebraico misure di alleggerimento delle restrizioni agli spostamenti da e per Gaza, nonché il congelamento delle nuove colonie progettate dalla destra nazionalista israeliana.
Questo accordo è comunque, nella visione Saudita e Israeliana, un “Bad Deal” e per contrastare questo cattivo accordo Arabia Saudita e Israele potrebbero organizzare un attacco militare alle strutture atomiche iraniane nella primavera del 2017 o prima se giungessero a Riad e Gerusalemme informazioni che facciano pensare all’imminente inizio delle procedure di arricchimento ad alto grado del minerale di Uranio nei siti fortificati iraniani, la cui distruzione non pare essere possibile con le bombe Bunker Buster tradizionali in possesso di Arabia Saudita e Israele.
Per distruggere i siti fortificati dell’Iran Israele, in assenza del supporto militare americano , dovrà ricorrere ai propri missili balistici a lungo raggio a testata convenzionale, la cui energia cinetica potrebbe portare una testata, adeguatamente studiata e rinforzata, all’interno di complessi fortificati sotterranei come ad esempio quello di Fordow.
Entro il mese di giugno saranno implementate le modalità tecniche per implementare tale accordo.
Riteniamo comunque che la Casa Bianca non possegga l’autorità per sottoscrivere un accordo simile senza che il Congresso debba ratificarlo. Vi ragguaglieremo nelle prossime ore sulle dichiarazioni ufficiali di Usa e Iran e, se ne raccoglieremo, dal Congresso Americano.

Aggiornamento ore 20:15 del 1º Aprile 2015


I rappresentanti iraniani hanno lasciato il tavolo delle trattative. Non sappiamo la causa di questo colpo di scena al tavolo di Losanna. Il limite per raggiungere un accordo per ora rimangono le ore 0900 di domani 2 aprile 2015

31

Comment(7)

  1. Da quello che leggo nei vati tweet che girano non c’è un accordo ma un dialogo protratto fino al 30 di giugno.
    Dichiarazioni di Lavrov fanno intendere invece che l’accordo si sarebbe potuto raggiungere se le parti non avessero alzato la posta ogni volta che ci si siede nuovamente al tavolo.
    Vedremo come finira questa storia che avrà indubbi risvolti geopolitici mondiali.

  2. Se raggiungeranno un accordo, Israele attaccherà preventivamente l’Iran prima che produca un ordigno nucleare

  3. 2017?
    Non si diceva che l’Iran sarebbe stato in grado di possedere uranio o plutonio arricchito in poche settimane?

    Sono vere le voci che l’Iran possiede Musudan di produzione Nord Koreana?

    Comunque la vedrei dura che Israele ed i sauditi attacchino per primi. Sicuramente ci proveranno ma la vedrei dura perchè in quel caso la ritorsione sarebbe violenta e definitiva (nel senso che forse si cadrebbe nella guerra definitiva tra questi Stati che nemmeno sono confinanti).

  4. Io fossi nell’Iran non siglerei tale accordo visto che darebbe la scusa ad Israele per attaccare..ed Israele non aspetta che una buona scusa per togliere di mezzo un pericoloso avversario. Dopodichè gli USA si prenderebbero i pozzi Iraniani, come hanno già preso quelli di Iraq e Libia.

    Come la vedo io gli USA hanno dato all’Iran la classica polpetta avvelenata..

  5. Confermato che i protocolli tecnici dell’accordo saranno discussi nei prossimi mesi ed entro il 30 giugno.
    Il numero di centrifughe, per noi mortali, è tenuto segreto insiemi a chissà quali altri accordi.
    Ora non so voi, ma mi aspetto una dura risposta di Israele che scombinerà completamente l’accordo raggiunto. Entro tre mesi di tempo il caos mediorientale avrà una crescita continua e costante, fino a che punto?

    1. Ciao carissimo, fino a che punto?
      Continuo a pensare che Israele attaccherà preventivamente l’Iran. Se accade, esploderà tutto il Medio-Oriente e rischio scontro di civiltà occidentale e araba/musulmana

Comments are closed.