Home Attualità Siria Kerry torna a parlare di azione militare
Siria Kerry torna a parlare di azione militare

Siria Kerry torna a parlare di azione militare

21
1

Siria, dopo che ormai è palese la riluttanza siriana a rinunciare alle armi chimiche in proprio possesso, il Segretario di Stato americano John Kerry, è tornato a parlare apertamente di azione militare in Siria.
Rispetto alla tabella di marcia programmata, la Siria ha imbarcato sulle due navi cargo preposte, solo l’8/10% degli agenti chimici che aveva accettato di trasferire all’estero entro la fine del 2013. Oggi siamo trenta giorni oltre la data limite per gli imbarchi e il grosso delle armi chimiche e dei precursori in possesso della Siria rimangono nella disponibilità di Al Assad.
Visto lo stallo continuo, al quale avevamo accennato in questo posti di due giorni fa, il Segretario di Stato Kerry ha ricordato che nel caso in cui la Siria non rispettasse gli impegni presi, la comunità internazionale si riserva di agire in base all’art. 7 della Carta delle Nazioni Unite, articolo che prevede l’uso diretto della forza militare, come previsto dalla risoluzione del Consiglio di Sicurezza che ha disciplinato l’eliminazione delle armi chimiche siriane.
Il testo tuttavia si presta a interpretazioni differenti. Russia e Cina, che dispongono di una potente apparato navale nel Mediterraneo, potrebbero infatti richiedere una ulteriore risoluzione che autorizzi il ricorso all’articolo 7, risoluzione che con grandissima probabilità vedrebbe il veto russo opporsi a qualsiasi proposta americana di una azione militare contro Al Assad.

21

Comment(1)

  1. Ci sono navi da guerra cinesi nel mediterraneo? Per quale motivo? grazie

    sì ci sono due unità maggiori cinesi nel mediterraneo. Ufficialmente per garantire la sicurezza del trasporto delle armi chimiche siriane. Inoltre svolgono manovre congiunte con la flotta russa.
    Domani sera uscirà un post in merito. Verso le 18 circa. Qui un estratto

    ….Tuttavia un dispiegamento simile non trova giustificazione per proteggere queste due navi cargo. Ognuna di esse è già sotto la protezione di una fregata della corrispondente marina militare e la NATO dispone nel mediterraneo di un dispositivo capace di fare fronte ad ogni eventualità. Italia, Francia Spagna, Grecia, Gran Bretagna, Stati Uniti e Turchia dispongono di forze ridondanti che possono tranquillamente occuparsi dei due cargo e della sicurezza della Cape Ray…..

Comments are closed.