Home Attualità La Turchia nega alla Russia un volo di ispezione del trattato Open Sky
La Turchia nega alla Russia un volo di ispezione del trattato Open Sky

La Turchia nega alla Russia un volo di ispezione del trattato Open Sky

513
6

La notizia è passata in secondo piano sui media tradizionali, ma è invece un segnale di fortissima tensione tra Russia e Turchia, una tensione talmente alta da non concedere alla Russia di effettuare un volo di osservazione previsto dal trattato Open Sky.

Open Sky è un tratta tra Russia e Occidente, atto a permettere l’accesso regolare di osservatori disarmati nello spazio aereo NATO e Russo, al fine di rafforzare la fiducia reciproca riguardo alla non mobilitazione di forze militare e al rispetto dei trattati sulla limitazione degli armamenti convenzionali e nucleari, decisi con appositi trattati. Negli ultimi dodici mesi 35 voli occidentali hanno percorso i cieli della Federazione Russa, secondo rotte decise dagli equipaggi stranieri, come il Trattato Open Sky prevede. Anche la Turchia è sottoposta al trattato Open Sky. Pochi giorni va avrebbe dovuto svolgere un volo Open Sky operato dalla Federazione Russa. I russi hanno chiesto che la rotta del volo passasse lungo il confine turco-siriano. Una richiesta, russa, pienamente legittima in base al trattato in oggetto. I turchi avrebbero invece impedito che tale volo potesse svolgersi, sollevando proteste e timori a Mosca. Si attende una protesta scritta ufficiale di Mosca

I timori riguardano il fatto che la Turchia stia ammassando truppe nel sud del paese per una possibile azione militare di terra su suolo siriano. 

Il nostro gruppo non ha purtroppo accesso a informazioni riservate o ad immagini satellitari delle aree di nostro interesse, tuttavia da settmane registriamo una anomala attività militare turca nei pressi della città di Karkamis. 

In questa cittadina, posta nei pressi del confine con la Siria la Turchia sta provvedendo a sminare una facia di terreno di confine. Questa attività, documentata da osservatori locali non ha alcuna spiegazione logica se non la possibilità che ad Ankara si stia valutando una azione di terra in Siria. 

Speriamo di capire qualcosa in più dopo il vertice tra Lavrov e Kerry l’11 febbraio p.v.

Qui il link al Trattato Open Sky

513

tags:

Comment(6)

  1. La Turchia scusate, l’asino di Erdogan deve finirla di fare il doppio gioco. Facile tirare in ballo NATO , ONU e poi sottobanco fare di testa sua. Per me non è ne più ne meno di Assad.

  2. Ottimo. Finalmente qualcuno che si è adeguato alle stesse regole russe. Ci siamo dimenticati il modo con cui la Russia ha fatto carta straccia del Memorandum di Budapest?

  3. Comunque credo che possano accedere a tali informazioni riguardo ai confini turchi tramite i caccia che sorvolano la Siria.

  4. Putin ha già dichiarato che userà armi atomiche a bassa intensità qualora le truppe russe sul suolo siriano fossero in pericolo.

    Sarebbe l’inizio della terza guerra mondiale.

  5. E perché sporcarsi le mani? In barba a trattati vari potrebbero dare ai siriani delle tetstate nucelari per i missili Iskander e lasciare a loro “l’onore” di fare fuoco nel caso iniziasse un’invasione turca e/o saudita a guida USA. Chi potrebbe dargli torto(vassalli USA a parte).
    Per i russi sarebbe il male minore… Brutta azione, un colpo basso inscusabile e sanzionabile ai massimi livelli!! 🙂
    Ma per i siriani cosa potrebbe succedere di peggio? può essere ridotta peggio di così la Siria? Per ritorsione saranno bombardate e distrutte le maggiori città? Assad “dead or alive”? Embarghi e sanzioni per affamare il popolo? Gli ruberanno i pozzi di petrolio?
    Io non scherzerei con chi non ha niente da perdere e molto rancore che cova da 5 anni o più…

  6. Adesso se ne parla poco. Poi, quando ci sarà la ritorsione russa la cosa rimbalzerà su tutti i media nazionali e tutti parleranno della Russia.

Comments are closed.