Home Attualità Ucraina le forze di Kiev attaccano Slaviansk -Aggiornato-
Ucraina le forze di Kiev attaccano Slaviansk -Aggiornato-

Ucraina le forze di Kiev attaccano Slaviansk -Aggiornato-

36
10

L’operazione militare contro gli indipendentisti filo russi dell’Ucraina orientale, che il nostro gruppo prospettava ieri pomeriggio, è iniziata.
Dalla periferia di Slaviansk si levano dense colonne di fumo nero, testimonianza dell’incendio dei Check Point che erano sotto il controllo degli indipendentisti.

Fonti di Kiev confermano l’inizio dell’operazione contro i separatisti ad est.

Aggiornamento ore 07,00

Fonti giornalistiche locali riferiscono di due episodi importanti.
Vengono riportati colpi di armi automatiche presso la stazione ferroviaria di Slaviansk, così come viene riferito, questa volta da fonti giornalistiche russe, che un elicottero da trasporto delle forze di sicurezza di Kiev sarebbe stato abbattuto poco fa mentre sorvolava la periferia della città.

Aggiornamento ore 07,33

È confermato da fonte locale l’abbattimento di almeno un elicottero delle forze armate ucraine. Il pilota sarebbe ferito ma ancora in vita.

Aggiornamento ore 08,33

È deceduto il pilota ucraino dell’elicottero abbattuto dai separatisti ucraini. Gli scontri proseguono una dozzina di elicotteri sorvolano Sloviansk

Aggiornamento ore 08,53

Continuano i combattimenti a Slaviansk almeno tre i morti oltre dieci i feriti, elicotteri da trasporto ucraini fanno la spola da e per la città trasportando truppe dei reparti speciali. I separatisti resistono, nessuna indicazione sul possibile movimento delle truppe di Mosca

Aggiornamento ore 09,56

Confermato l’abbattimento di un secondo elicottero ucraino morto il pilota, le forze speciali ucraine avanzano verso il centro della città.

Aggiornamento ore 11,59

L’azione militare nell’est dell’Ucraina contro gli indipendentisti è irreparabile e pone una pietra tombale sopra gli accordi di Ginevra.

Aggiornamento ore 14,05

Fonti del ministero dell’interno ucraino affermano che per abbattere i due elicotteri delle forze speciali di Kiev sarebbero stati utilizzati sistemi antiaerei spalleggiabili.

Aggiornamento ore 18,00

È in corso dalle ore 1800 ora di Roma una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dietro richiesta della Federazione Russa.
Qui il link per seguire l’evento

Aggiornamento di sabato 3 maggio ore 19,30

Le forze ucraine continuano l’offensiva nel sud est, in particolare riuscendo ad prendere il possesso di numerosi punti strategici nella città ci Kramatorsk.
A Sloviank invece la resistenza dei filo russi è ben organizzata e si registrano perdite simili da ambo le parti.
Nella stessa Sloviansk i governativi di Kiev hanno conquistato solo alcuni Check Point periferici ed il primo assalto alla città sembra non aver avuto successo. Alcune fonti riportano perdite significative tra le truppe della Guardia Nazionale Ucraina.
Dobbiamo inoltre registrare un notevole aumento dell’attività dell’aeronautica militare russa, in particolare in Crimea dove sarebbero atterrate dozzine di Mig 29 e Su 27, oltre che Tu 22 e un aereo radar.
A tal proposito vi proponiamo un video girato in Crimea.
Ecco il link

Aggiornamento ore 16,00 del 4 maggio

Le forze ucraine non riescono a procedere in modo spedito nell’operazione ad est. Ad Odessa manifestanti filorussi assaltano e prendono la sede del ministero degli interni. Liberati in centinaio di prigionieri arrestati nei giorni scorsi. Ad est nella regione di Luganask assaltato e conquistato dai filorussi un centro di addestramento. All’interno sarebbe stata presente una ingente quantità di armi ora nella disponibilità degli indipendentisti.
Dalla Russia giunge notizia che 1000/1500 “reduci” delle guerre in Cecenia e Ossezia sarebbero pronti a partire per combattere come “volontari” nel Donbass.

36

Comment(10)

  1. Se i russi non intervengono oggi non lo fanno più, sempre più probabile un accordo underground… e gli ucraini russofili si arrangiano…

    1. andrea, vai a fare il giornalista, farai una grande carriera

      in qualunque giornale italiano, specialmente quelli di sinistra, uno che da quel filmato capisce che quello è un italiano, un combattente e addirittura un mercenario farà strada molto rapidamente, potresti anche diventare parlamentare in meno di un decennio

      1. punto n°1 – non aspiro a fare il giornalista perchè non mi piace raccontare fesserie come qualcuno invece fa lasciando commenti inutli;
        punto n°2 – quello è un soldato visto che ha una mimetica e imbraccia un fucile;
        punto n°3 – parla italiano;
        punto n°4 – si trova in territorio ucraino e poichè l’Italia non partecipa con un proprio contingente è presumibilie che sia un mercenario;
        punto n°5 – le critiche costrittive sono ben accette ma commenti inutili no;
        Infine prima di qualsiasi appartenenza politca, religiosa e culturale viene il rispetto e l’educazione.

        1. guarda, ammesso e NON concesso che quel tipo parli italiano, io, e molto probabilmente milioni di altre persone, in un’ora potrei imparare a sostenere una conversazione del genere del filmato in forse quaranta lingue diverse, oppure semplicemente per statistica la stessa combinazione di suoni di una frase in italiano può essere a pieno titolo una frase, magari anche con un significato completamente diverso, di una qualunque delle migliaia di lingue e milioni di dialetti parlati al mondo

          ma mettiamo anche che quello parli italiano, come hai stabilito che non l’ha imparato a scuola o durante una vacanza a rimini? o da una zia in italia a far la badante? o che sia stato lui stesso anni a lavorare in italia e sia tornato in ucraina a godersi i risparmi accumulati, ora che qui c’è la disoccupazione alle stelle?

          oppure diciamo anche che sia italiano, chi ti dice che sia un mercenario e non il marito di una ucraina venuta in italia a fare la badante per qualche anno?

          ed infine ammesso che sia italiano e non centri niente con l’ucriana, chi ti dice che non sia andato laggiù per assaltare un vagone portavalori o rapinare una banca? o magari a comprare quelle stesse armi che vedi per fare qualcosa del genere in italia?

          ma nessuno di questi dubbi pare ti sia passato per la mente, quindi, se come dici tu “non mi piace raccontare fesserie come qualcuno invece fa”, prova a pensare un po’ di più a quante stelle e quanti uccelli ci sono in cielo e non guardare sempre e solo alla luna (se non direttamente al dito) quando qualcuno indica verso l’alto

          …a prescindere da qualsiasi educazione e appartenenza politica, religiosa e culturale tu, io e chiunque altro possa avere 😉

  2. Mio dio stanno mobilitando l’intera Russia! Non sono un esperto ma stiamo assistendo a qualcosa di epocale. Che dio ci perdoni!

  3. cioè aerei nati per attaccare le portaerei in mezzo all’atlantico partendo da murmansk vengono spostati in primissima linea?

    e pochi giorni dopo quell’altro filmato, in cui i soldati russi più che un reparto ben addestrato che va a combattere sembravano dei pendolari di ritorno dal lavoro?

    o putin è convinto che nell’esercito ucraino non sia rimasto un solo artigliere pronto ad eseguire gli ordini di kiev o sta buttando bistecche sotto il naso del leone…e,specie nel secondo caso, nell’altra mano deve aver ben più di un grosso bastone, oltre al veccho arsenale nucleare exsovietico

  4. Flavio sembra che tu conosca bene i mezzi di cui dispone Putin. Veramente reputi Puti!n ex KGB così sprovveduto?

    1. non sono io che conosco particolarmente bene le armi di putin, è che il backfire è più vecchio di me e ci sono le fotografie su wikipedia, quindi non rientra nella mia definizione di “arma segreta”, soprattutto se gli americani hanno avuto il tempo di sviluppare ben due generazioni di aerei imbarcati e missili aria-aria a lungo raggio, nonchè una di incrociatori e cacciatorpediniere missilistici apposta per abbatterli

      se invece ti riferisci alle tattiche, anche per quelle è dai tempi della caccia a pancho villa che sappiamo che andare a combattere spalla a spalla è il sistema migliore per farsi sterminare dall’artiglieria prima ancora di avvistare il nemico, e per trasformare i mezzi del filmato dell’altro giorno in una massa annerita di rottami e cadaveri tipo autostrada della morte non serve neppure la overwhelming power di schwarzkopf, basta un pugno di katiuscie

      quindi, senza averci mai parlato, ma partendo appunto dal presupposto che putin venga dal kgb e non da un qualche gruppo di notav o slow food o ultras o altri del genere, ne sa certamente più di me che ho fatto la naja ormai parecchi anni fa e, dalle informazioni che mi giungono, m pare che le uniche vie sensate per lui siano:
      1 approfittare del brillante successo politico degli alleati locali degli americani in libia e siria (le crocefissioni di questi giorni, tanto per dire l’ultimo) per mantenere la situazione ucraina com’è, in attesa che la crimea diventi per loro ciò che berlino ovest è stata per la ddr
      2 avere già un tacito accordo con gli occidentali, che sbraiteranno un po’ ma si adegueranno senza alcuna azione concreta come hanno fatto un sacco di volte russi e cinesi negli ultimi vent’anni, per la jugoslavizzazione dell’ucraina, facendo seguire l’annessione del donbass/croato a quella della crimea/slovena e schierando truppe russe di peacekeeping nel centro/bosniaco in attesa di liberare anche i kosovari di odessa
      3 schierare nell’artico tutta la deterrenza nucleare possibile sperando che non andiamo alla guerra totale mentre lui porta l’autunno sulla primavera di kiev

      da adesso alle elezioni europee li darei nell’ordine 99-1-0%, per fine anno invece 75-24-1 alle probabilità di quei tre eventi, in particolare se alle europee vinceranno i nof35 e gli isolazionisti alle midturn…a meno che qualche candidato/a ucraino/a con l’appoggio occidentale non vada a fare una passeggiata nella spainata delle moschee di sebastopoli

  5. Ah, ecco… i “volontari”… armati con armi e mezzi ucraini sottratti dai depositi militari…
    Adesso inizia ad avere più senso il non reagire di Mosca.

Comments are closed.