Home War Room Analisi Armi Chimiche : la Minaccia e la Difesa
Armi Chimiche : la Minaccia e la Difesa

Armi Chimiche : la Minaccia e la Difesa

1.24K
5

Questo post fu pubblicato da GPC all’epoca della crisi chimica in Siria nel 2013 lo riproponiamo oggi alla luce della minaccia chimica terroristica

Le armi chimiche rappresentano per molti paesi la risposta economica e semplice da ottenere alla necessità di una certa capacità di deterrenza in alternativa alle armi nucleari.

Moltissimi paesi nel mondo dispongono di arsenali chimici, tutte le potenze nucleari dispongono anche di armi chimiche, e molti stati non nucleari hanno a disposizione ingenti arsenali, solo per pensare all’attualità vi facciamo l’esempio della Siria e dell’Iran.

Soldati vittime di un attacco chimico presso Ypres

Queste armi di distruzione di massa sono pensate per l’impiego sia contro personale militare sia contro i civili. Furono impiegate per la prima volta su larga scala dall’ esercito tedesco durante la prima guerra mondiale. Nella loro prima versione non erano ordigni lanciati tramite artiglieria come avvenne in seguito ma i recipienti in pressione, contenenti gli agenti chimici, venivano aperti sul campo di battaglia quando i venti erano propizi alla loro distribuzione nelle trincee avversarie. La concentrazione di tali sostanze spesso non determinava la morte del soggetto mal lo rendeva inabile al combattimento per i problemi respiratori e la cecità. A questo punto le truppe assaltavano le trincee nemiche armate, tra l’altro, di mazze ferrate con le quali finivano i nemici agonizzanti. Ecco questa presentazione rende ben l’idea di quale livello di barbarie venga incarnato dalle armi chimiche.

Da allora sia il tipo di agente chimico impiegato sia la modalità di “consegna” sono evoluti notevolmente. Tra gli agenti chimici oggi presenti negli arsenali ricordiamo in modo specifico:

  • Gli agenti nervini : Tabun ( GA ) ; Sarin ( GB ) ; Soman ( GD ) ; Methylphosphonothioic Acid ( VX )
  • Gli agenti vescicanti : le Mostarde Solfonate ( HD Iprite ) ; le Mostarde  Azotate ( HN )
  • Gli agenti soffocanti : il Fosgene ( CG ) ; il Difosgene ( DP ) ; il Cloro ( CL )

Nel seguente Link trovate una esaustiva spiegazione sui tipi di agenti.

Per far arrivare gli agenti chimici sull’obiettivo sono impiegati: appositi proiettili da artiglieria, bombe o dispositivi di dispersione impiegati da aerei, razzi e missili balistici.

Oggi la maggiore minaccia, per la popolazione civile, è rappresentata da missili balistici, armati con agenti nervini che vengano lanciati su aree ad alta densità abitativa. Gli agenti nervini possono determinare sia la morte che gravi inabilità. La protezione contro tali agenti dispersi in atmosfera si ottiene con specifiche protezioni alle vie aeree ( maschere antigas ) non è necessaria la protezione totale del corpo. In caso di attacco chimico la popolazione deve essere già pronta a rispondere in modo efficace.

In pratica questo significa:

  • Avere presso la propria abitazione una maschera antigas per ogni componente la famiglia
  • Essere in grado di allestire in poco tempo un ambiente interno all’abitazione protetto il più possibile dall’ambiente esterno. Questa protezione si ottiene sigillando i serramenti con nastro adesivo e plastica, chiudendo le prese d’aria esterne ( camini ; cappe ; prese d’aria della cucina )
  • Avere la possibilità, sia prima che durante che dopo l’attacco, di ricevere notizie dalle autorità per conoscere l’effettiva natura della minaccia e quando l’ambiente è tornato sicuro.
  • Possedere un kit sempre pronto con l’essenziale per almeno tre giorni, comprendente acqua ( 5 litri per persona per giorno ) alimenti in scatola, torce elettriche, radio a batteria, i documenti e i farmaci personali.

 

Questo tipo di preparazione non si può improvvisare ed è il motivo per il quale in paesi dove la minaccia di un attacco chimico alle popolazioni è concreto esistono programmi di distribuzione di maschere antigas alla popolazione e dove ogni anno esercitazioni su larga scala preparano i civili a reagire in modo corretto e senza una dose eccessiva di panico che sicuramente si diffonderà.

Per il personale militare invece le armi chimiche più temute sono sicuramente gli agenti nervini, ma ancor più gli agenti vescicanti. Questi agenti chimici causano ustioni cutanee dei tessuti che vengono esposti ai loro vapori, per questo motivo per difendersi dagli effetti di queste particolari armi chimiche i soldati sono costretti ad indossare indumenti protettivi che ricoprono l’intero corpo, non è sufficiente la protezione offerta dalle maschere antigas. Questi ingombranti equipaggiamenti limitano le capacità di combattimento e riducono la resistenza dei soldati, quindi non solo il loro uso ma anche solo la minaccia del loro utilizzo riduce notevolmente le capacità belliche dell’avversario.

Inoltre le truppe esposte ad agenti chimici di ultima generazione, che si differenziano da quelli più datati per l’efficacia a concentrazioni inferiori, ma soprattutto per la lunga persistenza nell’ambiante in cui vengono rilasciati, devono essere accuratamente decontaminate così come i mezzi impiegati quando escono dalla zona di pericolo, al fine di non diffondere ulteriormente il veleno e permettere agli uomini di togliersi in condizioni di sicurezza le. “suite chimiche” indossate in ambiente contaminato.

Da molti anni la comunità internazionale sta lavorando ad un bando completo delle armi chimiche dagli arsenali mondiali, tuttavia risultati significativi non sono ancora stati raggiunti, per le profonde alterazioni di forza tra le potenze mondiali in caso di un bando completo di tali arsenali.

1241

Comment(5)

  1. Molot interessante e istruttivo.
    Già che ci siete non è che potete spiegare come e dove aquistare maschere anti-gas VERE(non i giocattoli che tentano di rifilare nei negozi di anti-infortunistica o nei caccia-e-pesca-softair) e relativi filtri di ricambio?
    Mi sono interessato superficialmente più di una volta ma per la difficoltà ho sempre rinunciato poco dopo. Da quel che ho capito il commercio di questi dispositivi è strettamente controllato e non vendono niente ai privati cittandini, è così?

  2. Molto interessante e istruttivo.
    Già che ci siete non è che potete spiegare come e dove acquistare maschere anti-gas VERE(non i giocattoli che tentano di rifilare nei negozi di anti-infortunistica o nei caccia-e-pesca-softair) e relativi filtri di ricambio?
    Mi sono interessato superficialmente più di una volta ma per la difficoltà ho sempre rinunciato poco dopo. Da quel che ho capito il commercio di questi dispositivi è strettamente controllato e non vendono niente ai privati cittandini, è così?

  3. Molto più completo questo del primo articolo di 2 giorni fa. Posso permettermi di dissentire su due cose…la prima è che non é la maschera antigas a fare la differenza ma i filtri usati, che variano in base alle sostanze da affrontare, la seconda é che normalmente proteggere solo le vie aeree non é sufficente, la terza é che il problema del terrorismo é che i mezzi di rilascio/disseminazione sono un po differenti da quelli convenzionali usati in campo militare (missili, mortai, bombe d’aereo o artiglieria varia). La minaccia consiste nell’imprevedibilità, e soprattutto nella facilità di preparazione e trasporto, anche dentro contenitori di facile reperibilità.

    1. Questo Post fu scritto all’epoca della crisi chimica in Siria, se vogliamo possiamo essere molto tecnici, alcuni di noi sono dei professionisti dell’NBCR, non semplici appassionati, forse come sei tu. Grazie e buon lavoro.

    2. Io aggiungerei anche che per l’utilizzo di questi sistemi risulta necessaria la dovuta esercitazione, specialmente in condizioni difficili. Non sono alla portata delle normali persone. Gli unici civili ad essere stati istruiti a dovere sono gli israeliani.

Comments are closed.