Home Breaking News Convoglio navale iraniano punta sullo Yemen. Arabia Egitto e Usa pronti ad agire
Convoglio navale iraniano punta sullo Yemen. Arabia Egitto e Usa pronti ad agire

Convoglio navale iraniano punta sullo Yemen. Arabia Egitto e Usa pronti ad agire

207
36

Il 18 aprile scorso un convoglio iraniano, composto da 7 navi cargo appartenenti alla Marina Militare di Teheran e scortato da due unità combattenti, una fregata classe Alvand, ed un rifornitore di squadra riadattato a nave portaelicotteri (il Busher) ha preso il Mare e si è diretto nel Mare Arabico. Il convoglio ha poi fatto rotta verso ovest a bassissima velocità.
Notizie lasciate filtrare dalle intelligence egiziane e saudite, poi anche dagli Stati Uniti, lasciano intendere che il convoglio iraniano sia diretto a rifornire di armi, munizioni, e sistemi di comunicazione le milizie sciite degli Houti che combattono in Yemen contro l’etnia sunnita.
Il dispositivo navale americano della 5ª Flotta è stato messo in stato di allerta e la portaerei Roosevelt, che doveva dare il cambio alla gemella Vinson nel Golfo Persico, è stata riassegnata ad una missione di “sicurezza navale” nel Mar Rosso Meridionale e nel Golfo di Aden, l’area di possibile destinazione del convoglio iraniano.
Nell’area sono presenti anche unità navali della Marina egiziana, che potrebbero avere il compito di bloccare in prima persona le navi iraniane, nel caso esse tentassero di prendere terra in Yemen, qualunque sia la loro missione formale. Il gruppo di attacco americano, guidato dalla portaerei Roosevelt non dovrebbe prendere parte direttamente all’azione, tuttavia se la componente elicotteristica imbarcata sulla nave iraniana “Busher” dovesse levarsi in volo per prendere parte ad una azione contro le unità egiziane, è probabile che i caccia della Roosevelt entrino in azione per abbattere i mezzi aerei iraniani.
Gli iraniani dichiarano che le loro due unità combattenti opereranno nel Golfo di Aden in una “missione anti pirateria”. Alla luce degli ultimi sviluppi riteniamo che queste dichiarazioni possano essere lette come un avviso alla coalizione sunnita a non fermare le navi mercantili, in quanto l’Iran potrebbe ritenere tale gesto un “atto di pirateria” e decidere di far intervenire le unità combattenti di scorta alle unità da trasporto. Riteniamo inoltre possibile che un sottomarino classe Kilo iraniano possa far parte del convoglio e trovarsi ora nel “rumore” generato dalle Unità da trasporto.
In base alle informazioni in nostro possesso e, se il convoglio iraniano manterrà l’attuale velocità, il gruppo di navi iraniane è atteso al largo dello Yemen nella prima mattina di sabato 25 aprile 2015.

Comment(36)

  1. Se non fosse una situazione tragica che rischia di infiammare il mondo intero, ci sarebbe da ridere. Spiegatemi una cosa, gli usa mandano il presidente premio Nobel per la pace a negoziare con l’Iran, mentre il congresso ed i militari mandano la portaerei a combattere gli iraniani… Se non è bi pensiero questo, spiegatemi cos’è…
    Obama dice che non vuole la guerra, che una guerra contro la russia sarebbe ” controproducente ” ( ma pensa te, e noi che pensavamo all armageddon), e poi arrivano gli istruttori usa in Ucraina, e i russi sanno che sono li per addestrare la guardia nazionale contro i russofoni nell’est… Il tutto in piena corsa agli armamenti in est europa e un po in tutto il mondo…

  2. Quindi la lenta avanzata di questa forza navale iraniana è dovuta alla presenza del Kilo. Interessante la tattica di utilizzare il rumore della taskforce per celare il sub. A tratti sembra di rileggere Classe Kilo di Patrick Robinson.

    Per quanto riguarda il commento di Luca.
    Si criticano gli istruttori americani senza però considerare che prima ancora le milizie del Donbass hanno avuto altrettanto supporto di training sia in terra russa che in Ucraina da parte di militari russi (singoli o in gruppo), contribuendo anche alla consegna di relativo armamentario.
    Almeno ora si cerca di bilanciare le forze, visto che anche in pieno accordi di Minsk la forza militare del Donbass si è voluta accaparrare comunque Debaltsevo per poi farvi arrivare, tramite rete ferroviaria, tutte le munizioni necessarie a mantenere una tale forza operativa.
    Cominciassero i russi a disarmare tutti quelli che hanno armato e allora sarò il primo a criticare questa azione USA. Fino ad allora appoggio totalmente la richiesta di aiuto di uno stato sovrano espletata per altro tramite canali ufficiali.

    1. Mentre per gli USA ci sono foto che dimostrano la presenza di istruttori militari su suolo Ucraino, la stessa cosa non si può dire della Russia(le armi dei ribelli sono vecchie di 30 anni..prese dai depositi sovietici in Ucraina dell’Est o sottratte al nemico).
      Inoltre vorrei ricordare che l’Ucraina non è membro Nato, per cui la presenza dell’esercito USA in quel paese non solo non si giustifica ma è rappresenta una vera e propria provocazione sul confine della Russia..vorrei vedere se la Russia mandasse armi ed istruttori sul confine tra USA e Messico..

      https://socioecohistory.files.wordpress.com/2014/04/russia_wants_war_look_how_closely_they_put_country_to_our_military_bases.jpg

      1. esatto, l’ucraina non è un membro nato…e se penso a Cameron che pochi mesi fa disse: non cominceremo la terza guerra mondiale in ucraina…beh…

        “vorrei vedere se la Russia mandasse armi ed istruttori sul confine tra USA e Messico..”

        succederebbe come con la crisi dei missili di cuba: ritirate le vostre navi o facciamo saltare il mondo!! poco importa dei missili che abbiamo messo in turchia…

        Comunque, per chi pensa che gli usa abbiano il diritto di fare ciò che vogliano…basterebbe una atomica tattica o due, di quelle grandi come uno zainetto s ‘intende, per fare saltare yellowstone e distruggere gli usa, come detto da un certo russo nemmeno un mese fa…o pensano che il resto del mondo sia fatto da coglioni?!

        1. Se per questo ne basterebbe ancora una più piccola per far sparire Mosca. Ma questo non è il gioco del chi ce l’ha più grosso!!

      2. Esatto, quello che dico anch’io..ma una cavolo di prova di truppe russe in ucraina, nell’era dei satelliti e degli smartphone in HD si può avere?
        e che non siano le immagini di altre guerre photoshoppate, please.

        1. Ecco invece di offendere e consumare come sempre ossigeno per produrre esclusivamente CO2, provi a cercarsele.

          Si parla e ho parlato di presenza in ucraina di soldati singoli o gruppi di soldati non ascrivibili a plotoni, compagnie, divisioni, reggimenti afferenti all’esercito russo.
          Non si può negare la presenza di personale di etnia caucasica, siberiana.

      3. Una batteria BUK o una sistema PANSTIR-S1 non sono sistemi di vecchi di 30 anni e per di più neanche nelle disponibilità ucraine. Di foto “ufficiali” che ritraggono soldati russi non ne troverete mai rispetto alle foto di soldati USA in ucraina. Inoltre di foto che ritraggono armamenti russi in terra ucraina la rete nè è piena.

        Ma onestamente non mi va proprio di riproporre nuovamente per l’ennesima volta filmati, foto e storie su tutto ciò.

        Tanto è inutile e ognuno la pensa come vuole

  3. E allora che anche il messico e il Venezuela chiedano aiuto ai russi, e che vadano li i soldati russi, così poi parliamo.. Troppo comodo piantare casini in giro per il mondo, come con l’Iran.. A proposito, lei ha tralasciato la parte sull iran? Come spiega le mosse usa in medio oriente?

    1. Ma cosa c’entra il Messico e il Venezuela. Ci sono per caso regioni messicane o venezolane che hanno dichiarato l’indipendenza o che vogliano essere annesse da altri stati?

      Per la parte iraniana ormai è chiaro che si stanno utilizzando stati terzi per combattere una guerra per procura. E non intendo guerra in termini esclusivamente militari, ma anche mediatici, politici, economici e sociali. L’Iran, lo Yemen, la Siria, l’Egitto, la Libia, l’Iraq, l’Ucraina, la Grecia, sono tutti luoghi dove si sta svolgendo la contrapposizione tra USA e Russia. Nessuno agisce per niente.

      1. Ma come cosa c’entra c****e?!? Se arrivassero truppe russe a mandare via la base di ramstein ad esempio, come pensi reagirebbero gli usa? o se qualcuno andasse ad addestrare i neri alla guerra urbana?

  4. Vedi che all iran torneranno utili le esercitazioni di affondamento della replica della portaerei usa di qualche mese fa… Quel sottomarino puzza di bruciato…

  5. Si parla di Iran e Yemen, non di Ucraina e Russia.

    Bisogna vedere se davvero un sottomarino pattuglia la zona e se questo davvero è autorizzato ad attaccare.

    Dubito che l’Iran voglia rischiare di avere problemi contro una flotta USA. La disparità di mezzi è devastante per l’Iran.
    Certo che potrebbero provare ad affondare le navi egiziane ed eventuali saudite ma non so se gli americani starebbero semplicemente a guardare.

    Io credo che sia una prova per stabilire equilibri di passaggio o per testare la situazione. Ma dubito che Teheran voglia tentare di un attacco o di forzare un eventuale blocco navale.

    1. Fino a quando non avremo una articolo GPC sulle capacità navali ed aeree dell’Iran non potremmo commentare molto.

      Però, al di là del sub, qual’è la capacità aerea del Busher? Gli elicotteri che imbarca hanno capacità offensive oppure sono elicotteri da trasporto ed eventualmente di difesa di questi?
      A bordo di queste navi c’è un contingente da sbarco?
      Mi pare troppo ridicolo che si mandi un contingente solo per fare una passeggiata.

      Se non troviamo risposta a questi quesiti qualsiasi commento potrebbe essere fine a se stesso.

      “Arriva il post, arriva 🙂 “

      1. L’ultima frase, anche se non in neretto, immagino sia il commento dello staff di GPC :p

        Vero, anche perchè leggendo wikipedia sembra che gli unici elicotteri che possiedono non hanno capacità offensiva (a parte il montare una mitragliatrice).
        Le forze navali sono scadenti e quelle aeronautiche possiedono il modernissimo caccia F14 TomCat :

        Dimenticato il neretto!

  6. Ma Andrea.. Riporto le parole dal suo link:
    statement on 4 February the Ukrainian Ministry of Defence (MoD) claimed its forces had destroyed a TOS-1 system during fighting on 3 February. This followed a claim on 14 January by the MoD that its forces had encountered the type for the first time during fighting on 13 January.

    Unconfirmed media reports had previously suggested TOS-1s were being used in the assault on Donetsk airport, although the Ukrainian MoD made no such claim at the time. The TOS-1 is not known to have been pictured in east Ukraine, making the statements by the MoD hard to verify – although the Ukrainian MoD has been a broadly reliable source in the past.

    Il ministero della difesa UCRAINA ha detto ke… Hardly to verify=difficili da verificare… Ma che cavolo, avevamo chiesto le prove video o foto… È inutile che lei dica :
    Inoltre di foto che ritraggono armamenti russi in terra ucraina la rete nè è piena.

    Ma onestamente non mi va proprio di riproporre nuovamente per l’ennesima volta filmati, foto e storie su tutto ciò.

    Linkale invece, anche perché lei non le ha mai linkate, queste foto!! La rete è piena?! Allora LINKALE, DANNAZIONE!

  7. Troppo comodo così, linkale per favore, le foto! E le foto, non articoletti che ammettono che tali armi non sono mai stati fotografati ( pictured).. LE FOTO!!

    1. Definire uno scritto di Jane’s un articoletto mi fa capire la pochezza del suo livello culturale a riguardo. E se non si crede ad una articolo di tale caratura, allora se le vada a cercare Lei foto, se ne è capace.

  8. Linka le foto delle armi e dei tank russi in Ucraina, per favore, cosicché tutti possiamo vederle, e non articoli scritti! Le foto!

  9. in Ucraina non vi sono armi russe, così come in Iraq non c’erano le armi di distruzione di massa, così come in Siria non era Assad ad usare le armi chimiche (ma era l’ISIS..creatura della CIA).
    Se la Russia fosse scesa in campo con i ribelli filorussi, avrebbe spazzato via l’esercito ucraino in poche ore. Ed oggi saremmo tutti morti..

  10. ma per favore puòlinkare le foto? perché io non le trovo! ma veramente non le trovo..non è che fare un dispetto a qualcuno eh…

    1. Armi russe ve ne sono a bizzeffe dato che più di mezzo pianeta utilizza armamenti di produzione sovietica e post sovietica.

      Armi, mezzi e uomini con mostrine dell’esercito russo credo proprio non se ne vedano. Mica son scemi.

  11. a questo punto chiederei alla redazione di postare le immagini e, se ci sono, i video, di armi russe su territorio ucraino…e che siano tratte da siti ufficiali, possibilmente.Grazie in anticipo.

  12. 1) in quell’articolo non ci sono le prove fotografiche di armi russe in Ucraina, ma si dice solo che il ministero ucraino ha detto che ci sono…

    2) jane’s, si beh, vediamo un po chi la controlla :
    Da Wikipedia :
    IHS Inc. (IHS) is a company based inDouglas County, Colorado, United States.[4]

    IHS provides information and analysis to support the decision-making process of businesses and governments in industries, such as aerospace, defense and security; automotive; chemical; energy; maritime and trade; and technology. In the past decade IHS has acquired the following businesses: Jane’s Information Group,Cambridge Energy Research Associates (CERA), Global Insight, and John S. Herold, Inc. In 2010, IHS purchased iSuppli and Screen Digest and, in 2012, Displaybank and IMS Research. In 2013, IHS acquiredPolk and Carfax.[5]

    COLORADO, UNITED STATES… non so se è chiaro.. Vatti a fidare di quelli che dicevano che saddam aveva le armi di distruzione di massa.

    Salvo poi dire, dopo dieci anni, che non ne hanno trovate..

    Ah già, lei non linka le immagini perché di serie non ce ne sono. Altrimenti sarebbe nel suo interesse linkarle una volta per tutte: dato che internet ne è piena…
    Saluti.

    1. Guardi che il mio interesse non è dimostraLe che ci sono armi russe nel Donbass che non sono in dotazione all’esercito ucraino. Perche tanto qualsiasi cosa Le propongo non ci crederebbe comunque, visto che sembra che per affermare che ci siano armi russe in ucraina Lei abbia bisogno di avere anche il numero di telaio del mezzo e la registrazione militare nonchè esserci alla guida Puni stesso

      Comunque non la lascio senza nulla
      http://www.armamentresearch.com/russian-96k6-pantsir-s1-air-defence-system-in-ukraine/
      https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=igPIcEM6RLA
      http://conflictreport.info/category/ukraine/
      Avrà così modo di approfondire.

      Le vorrei però ricordare che, visto la ricerca sulla partenità di chi posta gli articoli, che un articolo si definisce serio se riporta la fonte attendibile, senza la quale l’articolo è spazzatura. Non certo la provenienza di chi sta pubblicando l’articolo stesso.
      E di certo Jane’s non pubblica articoli in stile Sputnik.

  13. Ma i famosi omini verdi in Crimea?
    Non vi basta come prova della presenza russa?

    Alessandro.

    1. il popolo della Crimea ha espresso la propria volontà (più del 90% a favore dell’annessione alla Russia) riguardo all’indipendenza dall’Ucraina. Il fatto che gli “omini verdi” non abbiano sparato un singolo colpo la dice lunga su questo..

      Allo stesso modo in cui il Kosovo ha potuto rendersi indipendente dall’ex-Jugoslavia, così la Crimea è tornata alla Russia (quei territori sono sempre stati russi ed il popolo parla russo).

      1. Attenzione alle parole.
        LA storia del Kosovo è di indipendenza mentre quella della Crimea è di annessione.
        Due concetti che in geopolitica sono distinti e separati.
        Come mai la Crimea non è rimasta indipendente?

        Non è stato sparato neanche un colpo??? E gli assalti alle caserme ucraine in Crimea tipo questo:
        https://www.youtube.com/watch?v=lEoW_g2LOe8
        Magari prima di affermare bisognerebbe documentarsi un pò

Comments are closed.