Home Breaking News L’eccessiva flessibilità del mercato del lavoro, una inutile illusione
L’eccessiva flessibilità del mercato del lavoro, una inutile illusione

L’eccessiva flessibilità del mercato del lavoro, una inutile illusione

30
5

Il governo italiano promette che entro 15gg si occuperà del Jobs Act. Come i nostri lettori sanno, il mantra europeo è “flessibilità del lavoro”. In altre parole sembra che l’unico modo per uscire dalla crisi sia imporre nuove tasse e rendere precario, sempre più precario il posto di lavoro. Dietro la parola “flessibilità”, infatti, non si nasconde nient’altro che il concetto di riduzione delle protezioni e aumento della precarietà. Questo significa flessibilità. Dal momento che la quasi totalità dei media sta ripetendo che senza flessibilità si muore, vogliamo fare i “controcorrente di maniera” e ricordare uno dei tanti studi (anche di caratura internazionale) che invece dimostrano il contrario: non vi è alcuna correlazione (in senso statistico) tra flessibilità del lavoro e disoccupazione. Ricordatevelo, quando tra 15 giorni, giornali e telegiornali vi diranno che l’Italia, allora, sarà diventata un paese moderno ed europeo.

30

tags:

Comment(5)

  1. Purtroppo sembra che la volontà sua quella di renderci tutti meno sicuri. È più facile governare un popolo incerto e spaventato.

  2. Ok avanti così…fortunatamente lavoro, ma io me le lego al dito le cavolate che dicono. Poi al momento giusto me le ricorderò, e sarà peggio per loro! Europa FAIL!

  3. Gianluca, per “al momenot giusto” intendi le elezioni? Ti faccio presente che ormai quella è roba vecchia e superata, oggi il popolo italiano è troppo dinamico ed impegnato per pensare a quelle cose e per decidere chi va al governo si affida alla decisione del grande saggio di turno!

  4. Articolo veramente mal fatto. Ragioniamo su fatti e dati e non su qualche idea o concetto generico ripreso da qualche media. La situazione economica è disastrosa, abbiamo un conflitto generazionale enorme, ancora tutto da venire, indici macro tutti negativi, conti dello Stato senza controllo. DIfendere lo status quo è semplicemente folle. E non sto dicendo che bisogna buttar via le tutele dei lavoratori o i sindacati. Un ripensamento di tutto e in particolare de ruolo dello Stato nell’economia e delle differenti tutele e dei privilegi dei suoi dipendenti è dovuto e saggio.

    Ma comunque, il mio post è più per dire: fate tutti articoli interessantissimi e stimolanti. questo non è degno di voi. Perdonate le sincerità ma personalmente apprezzo chi mi critica.

Comments are closed.