Home Breaking News Israele e Palestina uno storico accordo sull’acqua
Israele e Palestina uno storico accordo sull’acqua

Israele e Palestina uno storico accordo sull’acqua

29
0

Procede il negoziato di pace tra israeliani e palestinesi. Procede a dispetto di tutte le dichiarazioni pubbliche che parlano di uno stallo tra le due parti in causa. I segnali che ci portano a dire che il negoziato sta avanzando sono molteplici, l’ultima è realmente importante ed è stata portata al pubblico dominio.
Si tratta di un accordo per la gestione comune dell’acqua, un bene preziosissimo in medio oriente e per nulla accessibile facilmente a tutte le popolazioni.
Pochi giorni fa, ed a nostro avviso all’interno della Road Map che porterà al trattato di stato che consentirà la nascita della Palestina, Israele Giordania e l’autorità palestinese hanno firmato un accordo che prevede la condivisione delle risorse idriche della valle del Giordano.
Il fulcro dell’accordo è rappresentato dalla costruzione di un impianto di desalinizzazione su suolo giordano, impianto che utilizzerà le acque del Mar Rosso per fornire acqua potabile e acqua utile all’agricoltura a tutte e tre le popolazioni che vivono in quelle regioni.
È la prima volta che Israele la Giordania e la Palestina parteciperanno ad un progetto condiviso per l’uso comune di acque derivate da impianti di desalinizzazione.
Il segnale è molto importante anche per il processo di pace in quanto la condivisione della gestione della valle del Giordano tra Israele Palestina e Giordania è, a nostro avviso, il punto focale dei prossimi accordi di pace.
Il via a questo progetto di miglioramento dell’elenco condizioni di vita di tutti e tre i popolo della valle del Giordano è quindi il più chiaro segnale che il negoziato di pace tra Israele e Palestina va avanti e che presto esso potrà dare finalmente luogo al reciproco riconoscimento dei due Stati e alla nascita dello stato palestinese.
tutto è limitato alle zone sotto il controllo dell’autorità palestinese di Ramallah, per quanto riguarda Gaza la questione è completamente diversa.

29