Home Breaking News Un commando a Latakia distrugge gli Yakhont di Assad?
Un commando a Latakia distrugge gli Yakhont di Assad?

Un commando a Latakia distrugge gli Yakhont di Assad?

49
6

Poco prima dell’alba del 5 luglio 2013 una potente esplosione ha svegliato gli abitanti dei sobborghi di Latakia, da allora si sono susseguite molte ipotesi al riguardo, gli analisti di GPC hanno valutato i fatti e i documenti disponibili sulla rete e hanno formulato la loro ipotesi al riguardo.

LatakiaL’ipotesi di GeopoliticalCenter è che un commando di forze speciali straniere, delle quali non è possibile identificare con certezza la nazionalità, abbia distrutto nei giorni scorsi un deposito di armamenti presso la città di Latakia, lungo la costa siriana del Mediterraneo.
Obiettivo del Comando un deposito di munizioni che avrebbe contenuto al suo interno buona parte dei missili antinave supersonici Yakhont, forniti negli anni scorsi dalla Federazione Russa alla Siria. Numerose speculazioni nei giorni scorsi avevano parlato un possibile attacco con misisli da crociera da parte di Israele al deposito in questione. Tuttavia nessun frammento di armi in dotazione alle forze armate israeliane è stato trovato presso il sito dell’esplosione, in particolare nessun frammento del missile da crociera Popeye in dotazione alla marina israeliana.
La pista più probabile rimane oggi quella di un piccolo commando di Forze Speciali sbarcato da un sottomarino nei pressi della costa, commando che poi avrebbe piazzato le cariche di esplosivo prima di tornare a bordo del mezzo subacqueo. La nostra supposizione deriva da un’analisi delle immagini e delle dichiarazioni siriane dopo l’esplosione del deposito, e dalla presenza storica di commando stranieri nell’area di Latakia.
Alcuni mesi fa, ad esempio, davanti al porto di Tartus è stata ritrovata, sull’isolotto Arwad, un sistema di osservazione e registrazione mimetizzato, che per forza di cose deve essere stato piazzato da un commando specializzato. Il medesimo dispositivo di osservazione e registrazione non trasmette i dati via satellite per non essere individuato e la memoria digitale deve essere recuperata da operatori sul campo. Arwad dista solamente 1,6 miglia dal porto di Tartus ed inoltre è un’isola abitata da alcune migliaia di persone.
Piazzare un tale dispositivo è un’azione non pienamente paragonabile, per rischio e difficoltà tecnica, al posizionamento di una piccola carica esplosiva nel deposito dei missili Yakhont, ma evidenzia sia le falle del sistema difensivo di Al Assad, sia le capacità delle forze speciali che operano nell’area.
Ricordiamo inoltre che non è necessario utilizzare 500 Kg di alto esplosivo per distruggere un deposito di missili a combustibile solido, basta una piccola carica e il propellente dei missili farà il resto. Una piccola carica di esplosivo impedisce una identificazione certa dello stato che ha compiuto il blitz e può essere fatta esplodere quando gli incursori sono al sicuro diretti verso casa.

Ricordiamo che i missili antinave Yakhont posso avere anche impieghi non ortodossi, ossia essere utilizzati come armi di precisione contro obiettivi terrestri. Una scheda di questo sistema d’arma la trovate a questo link.

49

photo by: Taras Kalapun
tags:

Comment(6)

  1. Un solo appunto: i missili israeliani sono i Popeye (come Braccio di Ferro), e non Popaye.

    Refuso di stampa. Grazie Filippo

  2. Roba da film. Ma siamo sicuri che potrebbe essere andata così? Con attorno le navi russe e i sottomarini con i radar di profondità, ad un passo dalla loro base navale. Ma, sembra difficile o sono scarsi i russi

    Reply: Noi di GPC non siamo sicuri è una nostra ipotesi. Ma siamo sicuri che sia come dice il Sunday Times stamattina che parla di un missile da crociera lanciato da un sottomarino israeliano?

  3. Grazie GPC per questa nuova notizia interessante. Potrebbe esserci una crisi, sì perché sarebbe direttamente coinvolto un mezzo militare. Sì che di questi attacchi ce ne sono stati già tanti, ma a mio parere se è andata così, nel modo come lo ha fatto, Israele si sta spingendo oltre, non tanto perché quei missili venivano da Mosca, ma perché è l’ennesima sfida diretta al Cremlino nell’annientamento strategico di armi che servono all’alleato Assad. Credo che i russi questo fare non lo manderanno giù per sempre. Chi lo sa se la massiccia esercitazione militare di Putin possa avere un collegamento con questi episodi, ed è scattata per mostrare i muscoli?

    Secondo noi al Cremlino ha dato molto più fastidio che per tre giorni consecutivi e su tre testate Usa differenti sono uscite dichiarazioni del pentagono, in forma anonima, che riferivano dell’azione di Israele.
    Le azioni del Cremlino sono più contro gli Usa che contro Israele.
    Israele collabora con Mosca, ci creda.

  4. si ma Israele collabora con Mosca molto meno di quanto collabori con gli USA di cui è burattino..
    diciamo che Israele e Russia si sfruttano a vicenda più che collaborare.. sono di fatto nemici naturali e prima o poi lo scambio di reciproche informazioni anche tecniche lascerà il posto a un grosso conflitto

  5. Ci sono accordi segreti che non conosciamo!! Se vi sorffermate su tutti gli avvenimenti degli ultimi anni, vi accorgerete che tutti parlano di pace ma in realta’ si crea sempre piu’ instabilita’. Mi sembra che si voglia
    Portare il medio oriente ad esplodere!!! Forse e’ il modo migliore x risolvere tutto.

Comments are closed.