Home War Room Analisi Evitare il default della Grecia è una priorità (di Obama)
Evitare il default della Grecia è una priorità (di Obama)

Evitare il default della Grecia è una priorità (di Obama)

93
11

Evitare il default della Grecia è una priorità assoluta, una priorità che è ai primissimi posti di un’ agenda, una priorità che ha spinto un capo di Stato a mettere in campo tutta le sue potenzialità diplomatiche e di “azione morale” in una serie di telefonate ai pezzi grossi dell’Europa (Francia, Germania, Commissione Europea). Questo Capo di Stato non è però un europeo, ma è il presidente americano Obama. Secondo numerose indiscrezioni la Casa Bianca sarebbe favorevole ad una rapida ristrutturazione del debito greco (nei fatti uno taglio del debito stesso), una ristrutturazione che deve avere come protagonisti i creditori della Grecia e tra essi l’America è una figura marginale. Per questo motivo si sta facendo strada l’ipotesi che gli Stati Uniti d’America potrebbero farsi direttamente a carico di parte del debito greco, A patto però che altri paesi dell’eurozona facciano la loro parte nel sobbarcarsi tale onere finanziario.
Ma perché il presidente americano nutre così grande interesse nelle sorti della Grecia, un piccolo stato con minime risorse naturali il quale rappresenta lo 0,2% della ricchezza mondiale? Come mai Obama, l’isolazionista Obama, che tante volte nel passato si è disinteressato delle vicende europee, oggi si spende personalmente durante la notte in telefonate, riunioni, pianificazione di scenari riguardanti questo piccolo fazzoletto di mondo, di un vecchia e decadente Europa? La risposta deve ricercarsi ancora una volta nella geopolitica.
La Grecia da territorio periferico e marginale è diventata oggi un importante centro per lo sviluppo della geopolitica europea e forse mondiale. La Grecia, pilastro della Nato durante la guerra fredda, oggi potrebbe cercare appoggi ed alleanze ad oriente e trovarle nella Russia di Putin, impaziente di trovare uno sbocco nel mediterraneo. La Grecia potrebbe essere la risorsa tanto attesa da Putin e dalla sua Russia. La Grecia che si decidesse di abbandonare la NATO potrebbe dare il via all’implosione stessa di tutto il comando sud dell’alleanza atlantica, come vi abbiamo spiegato in questo post di alcune settimane fa
Obama senza forse accogersene però, sta giocando una partita molto più complessa, una partita che non riguarda solo la marginale Grecia ma anche il pilastro stesso di questa Europa odierna: la Germania. È nostra ferma e decisa idea che, se il presidente americano riuscisse a costringere l’Europa germanocentrica ad intervenire economicamente in favore della Grecia e creando un precedente applicabile anche ad Italia e Spagna, lo stesso rapporto di alleanza tra Berlino e Washington potrebbe essere messo in discussione da questo e dei successivi governi della Germania. Le azioni in politica economica internazionale del presidente americano Obama, azioni e proseguite ininterrottamente negli ultimi sei anni e mezzo, hanno incrinato profondamente i rapporti fiduciari di amicizia tra l’America e numerosi paesi europei.
Tra questi paesi Germania Italia e Grecia sono coloro i quali che più degli altri hanno subito, e subiscono quotidianamente, gli effetti negativi delle politiche americane. Ci riferiamo in primo luogo alla disastrosa situazione in terra di Libia e ai miliardi di perdite economiche dovute alle sanzioni contro la Russia, sanzioni che costano poco se non nulla agli stati uniti ma il cui peso è quasi interamente sorretto dai paesi manifatturieri ed agricoli europei.
Una così forte ingerenza americana negli affari interni europei potrebbe essere letta dalla Germania, dopo gli scandali legati allo spionaggio nei confronti della Cancelliera Merkel, alla corruzione operata dalla CIA nei confronti dei vertici dei servizi di sicurezza tedeschi, il possibile furto ad opera di ignoti di materiale progettuale tedesco e francese, come il definitivo segnale che gli Stati Uniti non sono un alleato della Germania, ma ancora una forza che a settant’anni dalla fine della seconda guerra mondiale, continua a quell’opera di indirizzamento nei confronti del governo tedesco anche contro gli interessi nazionali della nazione germanica. Riteniamo quindi che la spiccata attività di Washington, focalizzata sul fatto di mantenere unito il comando sud della Nato, potrebbe portare in caso di successo ad una frattura con il governo tedesco. Una frattura che non si manifesterebbe, a nostro avviso, con una presa di posizione anti americana della Germania, ma con atti unilaterali di Berlino indirizzati a preservare in primo luogo l’interesse nazionale della Germania.
L’America gioca oggi una partita pericolosa per se è per l’intera europa, forse pensando che la Germania continuerà comunque la sua politica estera ed economica al seguito delle decisioni americane.
Secondo la nostra analisi questo assunto dell’America non è corretto, e potrebbe inaugurare un’epoca completamente nuova nelle relazioni tra Germania e Stati Uniti; Usa sempre più vicini alle posizioni di competitor storici delle Germania nel Vecchio Continente e sempre meno propensi a tutelare le posizioni degli alleati che erano la prima linea della Guerra Fredda, come Italia e Germania. Oggi la prima linea nel confronto con la Russia si è spostata più ad est e con essa il supporto americano.
Ma la Germania non è la debole Italia dei giorni nostri, che ha accettato la Guerra in Libia, le sanzioni alla Russia, la presenza del Califfato a Derna e Sirte senza alzare un poco la voce. La Germania è di un’altra pasta e per i tedeschi nulla è sopra la Germania “Deutschland über Alles”, se lo ricordino anche gli alleati.

Photo Kotsolis WIki common license

93

Comment(11)

  1. Ottima analisi, fin troppo ottimistica verso la Germania, ma non credo che la sua classe dirigente sia in grado di svincolarsi dall’America perché son tutti sotto l’occhio attento di CIA, NSA, ECHELON.

  2. Vedo con piacere che GPC l’ha pensata esattamente come me in un commento ad un altro articolo.

    Stiamo assistendo all’ennesimo teatro di scontro in Grecia tra USA e Russia in prosecuzione di quello Ucraino, cosa che ho voluto evitare di proporre in quel mio post per non essere additato da alcuni come quello che vede come nemico sempre la Russia.

    La visita a San Pietroburgo di Tsipras lo avrà convinto a seguire la strada del referendum.
    Ci saranno i servizi segreti di mezzo mondo che cercheranno di manipolare questo referendum, falsato sin da subito per ovvi motivi.
    Qualsiasi risultato potrà essere una vittoria o una sconfitta per chi tira i fili dietro, con tutte le conseguenze che ne deriverà da ciò.

  3. La Cina non ha interessi a trovare un porto nel Mediterraneo?
    Del resto la loro flotta cresce a dismisura ogni giorno e credo che tra un po’ potrebbe stargli stretto mostrare la loro presenza solo nel mar cinese o nel Pacifico.

    Per quanto riguarda gli USA ben vengano. Se l’Europa fosse seria sarebbe l’occasione per dire agli Stati Uniti di America che tirino fuori loro tutti i soldi e ci tolgano a noi il fardello di farlo.

    Quello che odio degli USA, invece, è proprio questo voler influenzare le cose ma con il sacrificio di noi europei (noi locchi).
    Come diceva un comico savonese “son tutti fenoci col xulo degli altri”.

  4. L’altra volta ho scritto che, secondo me, il futuro dell’Occidente dipende dalla Grecia. Ora mi chiedo: se è vero che gli americani hanno fatto quell’ambaradan in Ucraina per dividere l’Europa (Germania in primis) dalla Russia, ora si rendono conto del rischio che corrono, come dice l’articolo, di rovinare i rapporti con la Germania? Eppure Obama per quanto riguarda la Grecia deve intromettersi necessariamente: se esce la Grecia, rischiano di saltare l’Euro e l’Europa… e gli USA resterebbero ancora più isolati. E poi vuoi mettere il rischio che il Governo di sinistra di Tsipras riesca a risolvere i problemi del suo Paese nel giro di qualche anno? Addirittura grazie agli aiuti della Russia e magari anche della Cina? Da notare infatti la guerra psicologica della stampa contro il No al referendum…

  5. Un attacco da parte della russia /cina?
    Un attacco sarebbe una rivoluzione colorata a atene, con armi e cecchini, finanziata da un soros russo o cinese…
    Tsipras si è convinto, dietro laute promesse, che i brics sono un’alternativa valida, di crescita e sviluppo, e dal punto di vista economico, questo ragionamento non fa una piega. Non vedp perché non dovrebbe mandare a quel paese gli strozzini eurocentrici…

  6. Secondo me la battaglia greca è persa. Questo è doloroso ma ….. capita di perdere le battaglie.
    E’ persa perché i greci hanno deciso così e non perché la UE sia sbagliata. Loro vogliono andare in pensione a 50 anni, avere sussidi di ogni genere …. e non vogliono lavorare.

    La UE è fatta e deve essere fatta per persone serie e non per persone non serie.

    Alessandro.

  7. Forse hai ragione sul fatto che la generalizzazione non è mai razionale.

    Il fastidio dei 40 miliardi che come Italia perdiamo. … il fatto che noi i sacrifici li stiamo facendo … male ma li stiamo facendo …forse mi hanno fatto esagerare un poco. Ma poco ….

    Lì il problema è che loro sono convinti che possano permettersi cose, come ad esempio la pensione a 50 anni, che nessuno in Europa si sogna.

    Alessandro.

  8. Ottimo articolo, mi pongo un dubbio posto da questo stesso editoriale. La Germania ha accettato, sotto pressioni Usa e contro i suoi interessi, ogni azione sul fronte Ucraino, prima con il sostegno ai vari politici anti Yanukovich, il tentativo di inglobarla nell’UE e poi con il susseguirsi delle varie sanzioni.

    Ora la Grecia è finanziariamente non più fruttifera in quanto non più in grado pagare gli interessi sul debito, quindi potrebbe essere, cinicamente, abbandonata a se stessa dalla Germania.

    Gli Usa chiedono di tenerla dentro per non perdere il comando Sud della Nato, quindi un costo per L’UE e per la Germania stessa.

    Mi chiedo, potrebbe la Germania accettare questa richiesta ma a questo punto far valere il suo interesse e allentare sulle sanzioni alla Russia?

Comments are closed.