Home Prima pagina Quando in Siria fallirà la diplomazia
Quando in Siria fallirà la diplomazia

Quando in Siria fallirà la diplomazia

163
1

SYRIA CRISIS/GORAN TOMASEVIC/REUTERSIn Siria, nella Siria di oggi, dilaniata da una guerra senza regole ne onore, si cerca di dare voce alla diplomazia e al compromesso. In primo luogo le due maggiori potenze nucleari del pianeta, Stati Uniti e Federazione Russa, entrambi interessate ad indirizzare il conflitto in Siria verso una soluzione a loro favorevole, continuano a portare avanti la cosiddetta soluzione diplomatica, ma nella realtà entrambe le potenze utilizzano i giorni e le settimane che la diplomazia strappa al conflitto per rafforzare le proprie posizioni in terra siriana. La CIA ha intensificato la spedizione ai ribelli di armi (e probabilmente non solo leggere come ufficialmente dichiarato), e la Russia si prepara a far sbarcare sulla costa siriana alcuni non meglio specificati “equipaggiamenti speciali”.
Anche le ultime dichiarazioni di ieri pomeriggio rilasciate dal presidente siriano Al Assad confermano la nostra analisi. Il Rais siriano ha dichiarato che la Siria rinuncerà alle armi chimiche quando gli Stati Uniti smetteranno di armare i ribelli. Questa affermazione rafforza anche un’altra nostra deduzione. La Siria, dichiarandosi disponibile ad accettare che le proprie armi chimiche vengano messe sotto “controllo internazionale” non ha mai dichiarato di voler si privare di queste armi. Su questo sottile gioco diplomatico e semantico si sta giocando la partita siriana di questi giorni. Gi Stati Uniti premono perché le armi chimiche siriane vengano distrutte, (cosa che comunque avrà bisogno di anni per essere messa in pratica) la Russia e la Siria stessa vogliono che le armi chimiche non vengano distrutte ma solamente messe sotto il diretto controllo di una forza internazionale con una forte presenza russa. Tali armi sarebbero però ancora nella disponibilità del governo siriano che potrebbe in caso di disperazione mettervi mano.
È per questi motivi che in Siria fallirà la diplomazia e il conflitto verrà risolto solamente sul campo. La diplomazia di questi giorni serve unicamente alle due fazioni per rafforzare le proprie posizioni in vista della prossima fase della guerra di Siria.
Se sarà solo un conflitto interno ai confini siriani o se la guerra si estenderà alla regione, ciò dipenderà da un elevato numero di variabili, rappresentate non solo dall’evoluzione del conflitto in terra di Siria.

163

photo by: a.anis
tags:

Comment(1)

  1. Se dovessi raccontare l’attuale vicenda siriana in un libro, lo intitolerei “Quando il male vuole la pace”. E’ veramente molto triste quello a cui stiamo assistendo.

Comments are closed.