Home Prima pagina Siria: lo Scenario definitivo
Siria: lo Scenario definitivo

Siria: lo Scenario definitivo

34
0

 Roma 14 febbraio 2012

Definire lo scenario definitivo della crisi siriana non è cosa semplice, ma il nostro team ritiene di avere oggi a disposizione informazioni sufficienti.

Iniziamo a metterle sul tavolo.

Per prima cosa il fattore Russia.

La Russia conferma ogni giorno sia in ambito politico, con le affermazioni del presidente, del ministro degli esteri, con le risoluzioni approvate dalla Duma all’unanimità, sia in ambito militare, con la spedizione di armi di ultima generazione come missili antinave e antiradar, aerei da addestramento avanzati, e la non secondaria presenza di un’ imponente task Force navale al largo della Siria, che non lascerà il campo.

Non lasciare il campo però, non significa non scendere a compromessi accettabili,  per scendere a compromessi accettabili spesso bisogna dimostrare la propria forza. In molti ricordano i feroci combattimenti nella penisola Coreana poche ore prima dell’entrata in vigore della tregua che poi portò alla divisione lungo il 38º parallelo. Le parti in causa volevano sedersi al tavolo negoziale con alcuni punti strategici sotto il proprio controllo per poi ottenere condizioni più vantaggiose. A questo oggi potrebbe puntare la Russia arrivare ad una definizione negoziale con in mano ancora gran parte del paese, non con un regime scacciato dalla propria capitale dalla rivolta.

Per seconda cosa il fattore Iran.

La Repubblica Islamica è impegnata in questi giorni a ricompattare il fronte anti Israeliano, in modo particolare le maggiori attenzioni dopo la Siria, riguardano Hamas. Più di una voce all’interno del movimento palestinese sta valutando la possibilità di interrompere l’alleanza di ferro con l’Iran per volgere il proprio sguardo all’Egitto e alla Turchia. Le visite in Iran dei dirigenti di Hamas lo dimostrano così come l’impegno diretto della Guida Suprema, il Grande Ayatollah Alì Kahamenei, che parlando con Haniyeh, primo ministro di Hamas a Gaza, ha ribadito che la lotta armata è l’unico mezzo che esiste per combattere Israele, incitando quindi i falchi di Hamas a resistere alle lusinghe della fratellanza sunnita.

Sulla Siria la posizione Iraniana è chiara, la Siria è il contatto fondamentale con il Libano e con Hezbollah, la Siria attuale rappresenta un nemico temibile per Israele, e quindi un mezzo di dissuasione nei confronti di un attacco Israeliano contro l’Iran. Per gli Iraniani è fondamentale che la Siria mantenga la propria integrità territoriale che mantenga il controllo su tutte le basi militari del paese, in particolare sulle strutture dell’aeronautica, numerosi consulenti militari iraniani sono al lavoro in Siria e pare abbiano un ruolo, se non diretto nei combattimenti, quantomeno nella pianificazione strategica. L’Iran gioca il tutto o nulla con la Siria, il regime di Assad deve resistere nella sua forma attuale. A tal fine potrebbe essere pronto a distrarre l’opinione pubblica mondiale attirando l’attenzione su di se, magari stupendo il mondo con un annuncio epocale, riguardante il programma nucleare. Gli iraniani potrebbero anche incitare gli sciiti del Bahrein alla rivolta, per poi dimostrare che le monarchie del golfo attuano la repressione dei dissidenti, giustificando così la repressione siriana.

Esiste poi il fattore Assad, o se meglio credete, il fattore Alawita.

Gli Alawiti di Siria ed in particolare il loro leader Assad non sono i beduini della tribù dei Gheddafia, sono persone capaci di compromessi e di calcoli complessi. Assad per formazione personale, in pochi sanno che Assad è un medico specializzato in oculistica, è in grado di valutare molteplici opzioni non vede solo il tutto o il nulla. Così come non molti sanno che Assad iniziò a lavorare come medico nell’ospedale militare di Damasco proprio il luogo dove un misterioso omicida ha assassinato, pochi giorni fa, il generale che attualmente comanda tale ospedale. Un bel messaggio per Assad.

La Siria al tempo del mandato Francese

Riteniamo che si stia avvicinando un accordo internazionale, che possa garantire di fatto una secessione di una parte del territorio siriano la cui divisione territoriale potrebbe essere garantita da una forza di interposizione a guida araba con una forte componente turca. Richiamando a grandi linee le divisioni della Siria che furono fatte durante il mandato Francese della regione, negli anni 20, dove gli alawiti avevano il loro stato costiero tra le città di Tartus e Latakia. Se questo scenario, che riteniamo ad oggi il più plausibile, non dovesse realizzarsi, ci attendiamo un serio inasprimento della guerra civile in atto con il rifornimento di armi e munizioni di tipo moderno ai ribelli, e l’instaurarsi di “covert operation” nei confronti del regime di Assad e dei suoi vertici, che porterebbero ad uno scenario di guerra di posizione di lunga durata, fatto questo, che non è interesse di nessuno, ne a oriente, ne a occidente ne in Siria.

In conclusione riteniamo che l’occidente possa trovarsi concorde con la Russia nel concedere la secessione siriana, in cambio di un tacito consenso russo ad un attacco contro i siti nucleari dell’Iran.

tags: