Home Atlantico Europa Un altro passo verso l’embargo petrolifero
Un altro passo verso l’embargo petrolifero

Un altro passo verso l’embargo petrolifero

36
0

L’Europa fa un altro passo verso l’embargo petrolifero nei confronti dell’Iran. Il summit che dovrà annunciare l’accordo per l’embargo si svolgerà il giorno 30 gennaio, vertice che sarà a livello di capi di stato. Tuttavia, sebbene un accordo di massima sia stato raggiunto, sui dettagli di tale piano non c’è ancora accordo tra i 27 paesi dell’Unione Europea. Per prima cosa, non vi è un accordo sulla tempistica relativa all’entrata in vigore dello stop alle importazioni. Alcuni paesi come Francia ed Inghilterra premevano per un’entrata in vigore quanto più rapida possibili, qualcuno da Londra aveva ventilato la possibilità di un embargo petrolifero immediato, già a partire dal 1º Febbraio, ma questa ipotesi pare tramontata. Alcuni paesi con maggiore dipendenza dal greggio iraniano spingono per una entrata in vigore tra sei o nove mesi. Questi tempi tuttavia sono incompatibili con la marcia a tappe forzate del programma nucleare e missilistico iraniano. L’ipotesi più plausibile è di una entrata in vigore dell’accordo per il 30 aprile prossimo.

Per appianare questa diversità di vedute, ed impedire che il vertice di fine mese possa risultare un parziale insuccesso la diplomazia europea ha organizzato un vertice preliminare il giorno 23 gennaio, ieri infatti il gruppo di lavoro che sta cercando di appianare le divergenze pare non sia riuscito ancora a trovare un accordo che soddisfi in pieno tutti i protagonisti di questa vicenda, paradigma della grande difficoltà che ha l’unione europea nel parlare sia in campo economico che nel campo della politica estera con una sola voce.

Tra le obiezioni poste c’era anche una questione sollevata dall’Italia. L’ENI vanta crediti nei confronti della sua controparte Iraniana per due miliardi di dollari, debiti che l’Iran asta saldando con la fornitura non onerosa di greggio alle raffinerie ENI in Europa. Il governo italiano ha chiesto che le forniture non onerose vengano escluse dall’embargo in quanto non portano fondi alla Banca Centrale Iraniana. Sembra che la richiesta tanto cara all’Italia sia stata accettata. A nostro avviso quella Italiana potrebbe essere una vittoria diplomatica effimera, se non inutile; il gruppo di analisti di GPC  ritiene che nel momento in cui scatterà l’embargo petrolifero decretato dall’Europa l’Iran cercherà altri compratori per il suo greggio e ritenendo l’Italia corresponsabile dell’embargo, sospenderà come ritorsione le forniture non onerose di petrolio all’ENI. In questo modo l’Italia, un’altra volta nella sua storia, verrà criticata dagli alleati per aver cercato di non condividere gli oneri di una scelta, e umiliata dai nemici che comunque la ritengono un Paese che si è semplicemente accodato agli alleati di maggior peso.

Questa è la nostra analisi di base, i prossimi mesi ci faranno sapere se avevamo ragione.

36