Home War Room Armamenti I Missili Anti Radar
I Missili Anti Radar

I Missili Anti Radar

73
0

fonte WikipediaI missili anti radar, sono ormai diventati indispensabili nella moderne campagne militari. Il loro impiego inizia in Vietnam quando particolari aerei F4 debitamente equipaggiati andavano letteralmente a caccia della postazioni SAM ( missili superficie aria ) delle forze nord vietnamite. Queste particolari missioni erano dette in gergo Wild Weasel e rappresentavano tra i compiti più pericolosi ai quali un equipaggio poteva essere assegnato. All’epoca, il rilevatore radar dell’aereo individuava la fonte radar, veniva quindi lanciato il missile che però doveva, per tutto il suo tragitto, essere guidato dall’aereo lanciatore verso il radar nemico da distruggere. Spesso, prima che il missile potesse colpire, il nemico lanciava i suoi missili terra aria e l’aereo lanciatore poteva trovarsi veramente in grossi guai.

Da allora molte cose sono cambiate, e i missili moderni permettono una maggiore possibilità di sopravvivenza agli aerei che oggi si occupano della cosiddetta SEAD ( suppression of enemy air defence ) l’eliminazione delle difese aeree nemiche. I missili delle nuove generazioni, come ad esempio l’ Harm AGM 88 E, posseggono caratteristiche peculiari: bastano pochi secondi di emissione radar per poter lanciare il missile, che appartiene alla classe delle armi ” spara e dimentica ” nel senso che una volta lanciato non va guidato sul bersaglio. E’ il missile stesso con il suo computer di bordo che trova il suo bersaglio. Se poi la postazione radar smettesse di emettere onde elettromagnetiche il missile dovrebbe colpire ugualmente il bersaglio in quanto memorizza la posizione dell’emissione e si dirige comunque sul punto previsto. Armi di questo genere rendono veramente letali le missioni di eliminazione dei radar nemici. Vista l’evoluzione che questo tipo di armi ha avuto negli anni, anche le difese aeree si sono evolute e hanno sviluppato sistemi passivi di ricerca, basati sulla ricerca infrarossa o sulla segnatura acustica dei jet militari,  alcuni radar di ultima generazione possono inoltre emettere frequenze di disturbo talmente forti da fare mancare il bersaglio ai missili della famiglia dell’ AGM 88 Harm. Spegnere del tutto i radar è impossibile, in quanto il radar rimane ad oggi uno strumento indispensabile per la scoperta e l’eventuale attacco di aeromobili, con e senza pilota, e missili da crociera che si trovano a grande distanza dalla batterie antiaeree; batterie antiaeree come ad esempio il sistema russo S 300, non più punta di diamante della difesa Russa visti i suoi ormai 20 anni di servizio, ma comunque in grado di ingaggiare bersagli a circa 100 chilometri di distanza[1]

[1] Robert Wall, “Russia’s Premier SAMs Seen Proliferating Soon,” Aviation Week & Space Technology, 27 September 1999.

73