Home Attualità La strategia saudita per contenere l’Iran destabilizzerà il Libano?
La strategia saudita per contenere l’Iran destabilizzerà il Libano?

La strategia saudita per contenere l’Iran destabilizzerà il Libano?

391
4

LibanoIl nostro gruppo ha partecipato ad una interessante conferenza organizzata dalla NATO DCF sotto la Regola di Chatham House. Non possiamo quindi rivelare né il nome dei partecipanti, né ancor meno chi abbia detto cosa. Possiamo però dirvi che erano presenti analisti dei principali centri di studio della regione araba e nordafricana, politici di rilievo, diplomatici e militari di alto rango, in servizio e della riserva, dell’Alleanza Atlantica, della Cina e della Russia, oltre che della regione del Golfo Persico e del Nord Africa, da questo evento deriva il post che vi apprestate a leggere
L’Arabia Saudita ha compiuto un grave errore strategico negli ultimi sette anni, affidare la propria sicurezza ad un alleato, seppur molto importate come gli Stati Uniti guidati di Obama, piuttosto che ricercare una propria strategia per garantire i propri interessi nazionali e regionali.
In base a questa decisione oggi i sauditi devono fronteggiare non solo la presenza di elementi non statali, riconducibili allo storico nemico regionale (e cioè l’Iran), in Siria, in Yemen, in Bahrein, in Libano, in Palestina, in Irak e all’interno dei propri confini, ma convivono con un Iran che mantiene attivo il proprio programma di ricerca nucleare e può da oggi accedere nuovamente ai mercati internazionali.
Sembra invece che oggi l’Arabia Saudita abbia deciso di percorrere una propria strategia con la quale confrontarsi con il suo principale avversario regionale. La strategia è nel suo quadro complessivo apparentemente semplice, ma nella realtà dei fatti essa è difficile da realizzare in un piccolo lasso temporale, fatto questo indispensabile vista la rapidità con la quale gli attori “non statali” riconducibili all’Iran stanno avanzando in molti dei paesi dove essi operano, fatta eccezione il Bahrein e lo Yemen.
Secondo questa dottrina dei sauditi, Riad potrebbe intervenire direttamente o mediante attori “non statali” nell’unico paese dove oggi l’attore non statale sciita, e cioè l’Hezbollah, non è contrastato da un attore non statale sunnita.
La nostra teoria è quindi che presto potremmo assistere ad una azione sunnita in Libano.
Tale azione oltre a contrastare simmetricamente la milizia sciita, potrebbe sottrarre forze sciite alla battaglia per la Siria, dove oggi i sunniti delle varie fazioni subiscono l’avanzata dell’esercito siriano e delle formazioni dell’Hezbollah nonché delle milizie sciite irachene impegnate al fianco del presidente Al Assad.
L’azione sunnita potrebbe trovare uomini da reclutare tra le decine di migliaia di profughi sunniti fuggiti dalla Siria nel nord del Libano a seguito delle vittorie militari dell’esercito di Al Assad, decine di uomini senza lavoro, senza una patria e che hanno subito una sconfitta ad opera di Sciiti ed Alawiti, uomini che potrebbero essere pronti a combattere in Libano per poi avere la nuova opportunità di combattere in Siria contro gli storici nemici sciiti.

391

photo by:

Comment(4)

  1. Vorrei ricordare che nel 2013 vi furono pesanti interferenze in Libano da parte dei terroristi. A Tripoli scontri, ad Arsel altri scontri, a Beirut attentati ed ancora a Sidone battaglie urbane. Se non ricordo male, tutto ciò fu la causa che fece intervenire in Siria Hezbollah iniziando a Qusayr le proprie operazioni in accordo con il governo siriano. Una scelta che si è dimostrata valida visto che, con le vittorie ottenute sul campo e poi con tutto ciò che fino ad oggi è accaduto , il rischio di una deflagrazione interna è scemata.
    Potranno i Sauditi avere un influenza? Si forse si, il Libano non è certo blindato ma con la scelta di non rifornire di armi l’esercito libanese fa sì che il suo cavallo di Troia, la famiglia Hariri, perda di influenza e di incisività ed uno dei rischi maggiori per loro è che arrivi alla presidenza della nazione il generale Aoun.

  2. I cocainomani della casa Saud dovrebbero stare molto attenti a giocare coi libanesi…magari chiedano lumi ai loro nuovi e degni alleati sionisti. Questi se non stanno attenti si ritrovano qualche battaglione di hezbollah in Yemen, e come conseguenza di ciò, si trovano gli yemeniti a Gedda e Riyad. Il che sarebbe solo un bene tra l’altro….

      1. Ucci ucci sento odor di hasbarucci! La citazione di Hamas in un contesto in cui non c’entra niente, il tirare in ballo la forma di governo, come se il fatto che la popolazione scelga quale coalizione di oligarchi debba governarli, e il paragonare l’isis e le satrapie del Golfo a Hezbollah e l’Iran sono marchi di fabbrica. Ma non preoccuparti, Iran, hezbollah e di conseguenza i palestinesi diventeranno solo più forti in futuro e la situazione strategica migliorerà per loro. Il che è un bene :-)))

Comments are closed.