Home War Room Armamenti Domani sera entra in azione la 5ª batteria Iron Dome
Domani sera entra in azione la 5ª batteria Iron Dome

Domani sera entra in azione la 5ª batteria Iron Dome

18
0

Con un anticipo di quasi due mesi su quanto dichiarato solo poche settimane fa domani sera la quinta e più avanzata batteria del sistema missilistico Iron Dome entrarà in servizio anche se, probabilmente, con il 75% del numero di intercettori previsto. La batteria in grado di intercettare anche i missili balistici a lungo reggio, come gli Shahab 3 iraniani, nella loro fase terminale di volo potrebbe essere schierata nell’area di Gush Dan, l’area metropolitana di Tel Aviv. È incredibile la rapidità con la quale la batteria è stata assemblata, mentre l’ultimo lanciatore, apparentemente ancora incompleto potrebbe essere integrato nella batteria entro le prossime due settimane. Iron Dome 2.0 renderà i cieli di Tel Aviv molto più sicuri dagli attacchi dei missili Fajr impropriamente definiti missili a lungo raggio che in realtà sono dei missili a corto raggio, per gli standard militari internazionali, ma vengono definiti a lungo raggio se paragonati ai missili Qassam che hanno un raggio operativo di una dozzina di chilometri.
Il Fajr 5 è un missile a propellente solito alto circa sei metri e 90 kg di testata esplosiva. Il fatto che queste armi si trovino in gran numero a Gaza indica che qualcuno ha aiutato Hamas a trasportare questi ingombranti sistemi d’arma nella striscia. E con il blocco navale di Gaza gli unici che possono aver aiutato i palestinesi sono i vicini egiziani, fatto che apre numerose considerazioni che saranno oggetto di un nostro editoriale dedicato alla questione.

18