Home Attualità Il Discorso di Donald Trump in Arabia Saudita
Il Discorso di Donald Trump in Arabia Saudita

Il Discorso di Donald Trump in Arabia Saudita

647
0

In questo post, che verrà costantemente aggiornato, troverete i passaggi fondamentali del discorso di Donald Trump davanti a sessanta leader sunniti, riuniti a Riad per definire l’alleanza strategica tra gli Stati Uniti e il mondo arabo sunnita.

Re Salman Bin Adbulaziz Bin Salman Al Saud: ringraziamo Sua eccellenza Trump per aver scelto l’Arabia Saudita per il primo viaggio all’estero. L’Arabia Saudita rifiuta ogni estremismo lotterà per fermare l’estremismo e il suo finanziamento. Vogliamo una vera collaborazione con gli Stati Uniti per perseguire la via dello sviluppo e della pace, così come chiede la nostra religione mussulmana. L’Islam sarà sempre la religione della pietà e della tolleranza. Oggi tuttavia alcuni presunti mussulmani vogliono presentare un quadro distorto della nostra religione che l’amore mischia con la violenza.
La Sharia protegge la Vita, nessun onore è presente in un omicidio.

L’Arabia Saudita non ha mai conosciuto il terrorismo fino alla rivoluzione Khomeinista. L’Iran interferisce negli affari interni di altri Paesi, il regime iraniano ha interposto una interferenza nello Yemen.
Noi non consideriamo nemico il popolo iraniano ma il regime iraniano.

Con l’accordo di Sua Eccellenza Trump colpiremo il terrorismo, divulgheremo inoltre la cultura della tolleranza contro il terrore e la sua propaganda.

Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump:
Vorrei ringraziare Re Salman per le Sue parole, sono onorato di essere stato ricevuto da un padrone di casa che possiede tanta grazia. La vostra ospitalità è stata incredibile, accogliendomi nella casa di Abdulaziz che lavorò con il presidente Roosevelt.

Oggi iniziamo un capitolo nuovo che porterà benefici ai nostri cittadini. L’america non desidera imporre il nostro modo di vivere sugli altri, qui ed ovunque.
Il nostro obiettivo è una coalizione di nazioni che possa offrire un futuro ai nostri figli, onorando Dio.

La nostra determinazione condivisa migliorerà la sicurezza dei nostri popoli, tra pochi mesi avremo creato un nuovo milione di posti di lavoro ed investendo sull’esercito miglioreremo la sicurezza del popolo americano e dei nostri alleati.
Il mio incontro con il principe ereditario é stato fruttuoso di collaborazione. Il Regno Saudita investirà quasi 400 miliardi di dollari in Arabia e negli USA. Noi garantiremo ai nostri amici Sauditi un ottimo accordo con le nostre fabbriche di armamenti.
L’esercito Saudita avrà un domani un ruolo molto più importante.

Oggi faremo la storia inaugurando un centro contro l’ideologia islamista.

Noi siamo qui per offrire una collaboratore basata su sicurezza ed unità, nel combattere il terrorismo e l’estremismo. I giovani devono poter crescere senza odio e senza violenza. Con l’aiuto di Dio questo vertice sarà l’inizio della fine di chi alimenta il terrorismo.
Questo vertice potrà essere il vertice che determinerà la pace in Medio Oriente.
Le atrocità dell’11 settembre e altri fatti sono orribili che non vogliamo rivedere, nè in usa ne qui, ne in Francia nè in Russia.
Ma il più grande numero di vittime del terrorismo è mussulmano. Il 95% delle vittime di terrorismo è mussulmana.

Isis Hezbollah Al Qaeda Hamas hanno creato terrore e sono responsabili dei sogni infranti di troppe generazioni.
L’Arabia Saudita è custode dei luoghi sacri dell’islam, l’Egitto un esempio di meraviglie ed antiche eredità, la Giordania e l’Irak sono la culla della civiltà, gli Emirati trasformano la terra in capolavori di arte. Il potenziale di questa regione è immenso.

Tutte le volte che un terrorista uccide un uomo invocando Dio, questa è una bestemmia. Dobbiamo fermare tutto ciò.

Io annuncio che le nazioni sunniti presenti oggi firmeranno un accordo per fermare i finanziamenti ai terorristi

Quando guardiamo il sangue delle vittime del terrorismo non riusciamo a capire di che religione esse siano, ma vediamo solo che erano figli di Dio.

Le nazioni del Medio Oriente dovranno scegliere da che parte stare, in una lotta tra il bene e il male, mandando via dai luoghi di culto, dalle comunità e da questa terra i terroristi.

Il Consiglio di Cooperazione del Golfo ha bloccato i finanziamenti ai terorristi ed ha identificato Hezbollah come organizzazione terorristica. Io plaudo a questo.

Dobbiamo lottare contro l’emarginazione delle donne, l’Arabia Saudita si è impegnata in questo.

Dopo di qui andrò in Israele poi in Vaticano, se queste religioni collaboreranno la pace sarà possibile, anche tra Israele e Palestina.

L’Iran è responsabile dell’instabilità nella regione, finanzia terroristi e milizie, essi parlano di morte all’America e morte ad Israele. Vedete cosa ha fatto l’Iran in Siria, dove Assad ha compiuto, insieme all’Iran, crimini indicibili.
Le nazioni responsabili devono partecipare alla stabilità della Siria.
Il popolo iraniano soffre per l’oppressione del regime iraniano, fino a che il regime iraniano non sarà partner della pace dovremo isolare il regime iraniano.

Ringrazio Re Salman per aver investito in America e nelle sue industrie, il Medio Oriente potrà svilupparsi se noi, leader dei nostri popoli, aiuteremo le anime di ognuno dei nostri cittadini e sudditi, che attendono una nostra azione contro il male.
Unitevi a me per lottare Uniti, Uniti non possiamo fallire e nessuno potrà sconfiggerci. Dio benedica tutti voi

647